Credits: Ph. Luke Hayes
Places

Il nuovo Design Museum di Londra

Ultimi preparativi in vista dell'inaugurazine prevista per il 24 novembre: il nuovo Design Museum apre ufficialmente i battenti a Londra e si appresta a diventare il più grande grande museo al mondo interamente dedicato al design.

Dopo il recente ampliamento della Tate Modern firmata da Herzog & de Meuron, è il momento della nuova sede progettata dall'architetto britannico John Pawson, nata da una riqualificazione durata cinque anni del Commonwealth Institute a South Kensinghton, icona del Modernismo britannico anni Sessanta.

Un’operazione costata 83 milioni di sterline che ha permesso la realizzazione di uno spazio di 10mila metri quadrati tre volte più grande rispetto alla sede precedente, l’ex magazzino di banane a Shad Thames, a sud del Tamigi. 

Credits: Ph. Gareth Gardner
Credits: Ph. Gareth Gardner
Credits: Ph. Gareth Gardner
Credits: Ph. Gareth Gardner
Credits: Ph. Gareth Gardner
Credits: Ph. Gareth Gardner

Il Design Museum si appresta dunque ad ospitare 650mila visitatori nel primo anno di apertura.

Lo spazio è scandito da larghe gradinate che si sviluppano attorno a un atrio rivestito in legno di quercia e prevede due gallerie temporanee, al piano terra e al piano inferiore, in grado di accogliere contemporaneamente fino a sette esposizioni temporanee all’anno. 

Si comincia con la mostra inaugurale intitolata Fear & Love – reactions to a complex world: undici installazioni realizzate da alcuni dei più importanti progettisti e architetti di oggi orchestrati dal chief-curator Justin McGuirk. L’esposizione affronta grandi tematiche dei giorni nostri e include opere di OMA, del designer inglese Hussein Chalayan, della progettista Madeline Gannon, del graphic designer giapponese Kenya Hara e di Neri Oxman, designer, architetto e professore presso il MIT di Boston.

Il livello superiore ospita invece Designer Maker User, la prestigiosa collezione permanente del Design Museum, che può vanta un archivio corposo di circa mille oggetti appartenenti al XX e XXI secolo, organizzati e mostrati al pubblico dal punto di vista del designer del produttore e dell’utente.

Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Credits: Ph. Luke Hayes
Places
Una casa che sembra una galleria
Storytelling
7 siti per comprare arte online
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”