L'ingresso della galleria d'arte e del ristorante - Credits: @Newport Street Gallery
Places

Pharmacy 2: rinasce a Londra il ristorante-farmacia di Damien Hirst

Damien Hirst ci riprova. Quasi quindici anni dopo Pharmacy, il suo primo ristorante inaugurato nel quartiere alla moda di Notting Hill e ispirato alle opere d’arte che lo hanno reso famoso in tutto il mondo, rilancia il suo concept restaurant.

Pharmacy 2 rinasce un po’ più a sud, a Lambeth, suo nuovo headquarter londinese, in cui l'indiscusso protagonista della Young British Art ha inaugurato lo scorso ottobre la Newport Street Gallery, una mega galleria d’arte firmata dallo studio di architetti Caruso St John tutta dedicata alla sua immensa collezione di opere d’arte contemporanea. Proprio all’interno dell’edificio della galleria sorge Pharmacy 2.

Nella Londra dei primi anni 2000, Pharmacy suscitò grande clamore per la capacità di stravolgere l'immagine tradizionale del ristorante alla moda tra pareti-vetrine rivestite di gigantografie farmacologiche, scaffali ricolmi di aspirine e pillole colorate ed arredi inconsueti più consoni a un reparto d'ospedale che a un rinomato bistrot. La Pharmacy di Notting Hill ha ottenuto in pochissimo tempo un enorme successo imponendosi sulla scena gastronomica e culturale della capitale inglese come un locale imperdibile frequentato dal jet set internazionale.

La versione 2016 del concept restaurant punta a bissare il successo precedente. L'idea è la stessa: ancora arredi di ispirazione “medicale”, ancora le celebri vetrine con le pillole alle pareti, gli sgabelli a forma di aspirine colorate e la scritta luminosa “prescriptions” che domina sul bancone del bar a mo' di banco di una farmacia. A rendere tutto più esclusivo, stavolta, è la scelta di un nome importante ai fornelli: Mark Hix, chef pluripremiato ma anche imprenditore con all’attivo numerosi locali e bar di tendenza in tutta l' Inghilterra.

Le opere di Hirst installate nel ristorante - Credits: @Newport Street Gallery
L'interno del ristorante - Credits: @Newport Street Gallery
Il bar del ristorante ispirato ad alcune delle opere più famose di Hirst - Credits: @Newport Street Gallery
Damien Hirst e lo chef Mark Hix - Credits: @Newport Street Gallery
News
10surdix, a Parigi una sartoria per interni con Abimis
News
Ad Atene apre il Centro Culturale Stavros Niarchos firmato Renzo Piano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”