Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gli edifici della City Hall realizzati dall'architetto Richard Meier - Credits: Foto by: Fleur Beemster
L'Hotel Babylon - Credits: Foto by: Fleur Beemster
L'Hotel Bilderberg - Credits: Foto by: Fleur Beemster
L'Hotel Bilderberg - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Gemeentemuseum - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Il lago Hofvijver - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Il lago Hofvijver - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Il lago Hofvijver - Credits: Foto by: Fleur Beemster
Places

L’arte di Piet Mondrian invade L’Aia

Cento anni fa, in Olanda, nasceva il movimento De Stijl, anche detto Neoplasticismo. A fondarlo, con l'omonima rivista-manifesto, furono Theo van Doesburg e Piet Mondrian, che delinearono i tratti di un'arte sì astratta ma anche, per l'appunto, “plastica”, che si avvaleva semplicemente dei colori primari e delle forme geometriche elementari. Una corrente artistica che aboliva le classiche distinzioni tra le arti - Mondrian accomunava il jazz alle sue opere - e che ispirò generazioni di designer e architetti, oltre a presentare vari punti di incontro con il Bauhaus.

Oggi, a celebrarne il centenario é l'intera città de L'Aia, che per tutto il 2017 si trasformerà in una gigantesca opera diffusa di Mondrian. Vero protagonista dell'iniziativa sarà il lavoro degli artisti Madje Vollaers e Pascal Zwart dello Studio VZ, che hanno trasformato il celebre City Hall, il complesso di edifici progettato dall'architetto Richard Meier e sede del municipio cittadino, in un immenso quadro dell'artista. Ma le attrazioni saranno sparse in vari angoli della città, come il lago (o stagno) Hofvijver, punteggiato da piattaforme geometriche colorate.

Ad accompagnare poi l'enorme opera a cielo aperto saranno gli eventi organizzati dal Gemeentemuseum, che per questa occasione esporrà straordinariamente tutte le 300 opere dell'artista in suo possesso (generalmente prestate ad altri musei) nella mostra The Discovery of Mondriaan (dal 3 giugno al 24 settembre).

Inoltre, fino al 21 maggio, il museo ospiterà l'esposizione Piet Mondrian and Bart van der Leck, che attraverso 80 opere esplora il lavoro dei due artisti, analizzandone le reciproche influenze.

News
Apple Park, il nuovo campus firmato Steve Jobs e Foster + Partners
Products
Com’è fatto il nuovo Nokia 3310
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto