Credits: Artemakers, il laboratorio di Ernesto Marazzi dedicato all'arredamento industriale
Credits: Artemakers, il laboratorio di Ernesto Marazzi dedicato all'arredamento industriale
Credits: Cambio, l’area polifunzionale di Fabio Covizzi
Credits: Inside-Out, lo spazio di Luciano Botta e della moglie Elisa dedicato all'arredamento americano
Credits: Inside-Out, lo spazio di Luciano Botta e della moglie Elisa
Places

Pizzi 29: a Milano il cortile dedicato alla creatività

Alessandro Mitola

Si chiama Pizzi 29 e prende in prestito il nome dalla via che lo ospita. Nato dalle ceneri di una ex tipografia nella zona Ripamonti, uno dei quartieri milanesi in fase di espansione dove sorge la Fondazione Prada, Pizzi 29 è un collettore di realtà consolidate e giovani talenti. I suoi spazi funzionali accolgono l’attività di artigiani, designer, architetti collezionisti e musicisti, attività legate tra loro dall'unico filo conduttore della creatività.

Cambio è l’area polifunzionale di Fabio Covizzi: 350 metri quadri dal sapore post industriale con mattoni a vista, travi a soffitto e una grande parete realizzata con teck indonesiano: una sede progettuale perfetta per la produzione di complementi d’arredo unici realizzati con legno di riuso proveniente da templi indonesiani andati distrutti o crollati e in seguito abbandonati.

Inside-Out e 29 South sono gli spazi di Luciano Botta e della moglie Elisa, un unico progetto che riunisce un’ampia selezione di arredi americani originali e al contempo si presta per eventi e set fotografici. L’attività della coppia spazia dalla vendita alla creazione di ambienti, fino al noleggio di complementi in ambito cinematografico e pubblicitario.

Artemakers di Ernesto Marazzi, esperto con oltre vent’anni di esperienza nel settore, è la meta perfetta per gli amanti dell’arredamento industriale: strutture in metallo, in particolar modo in ferro, vengono sverniciate, spazzolate e finite a mano per riprendere il loro splendore originario.

Alessandro e Gianluca, due musicisti arrivati in via Pizzi nel primi anni Novanta, sono i proprietari di Moon-House: quattro sale prova, due studi di registrazione e un laboratorio artigianale di strumenti a corda ed elettronici dove è nata Nero Custom Guitar, la prima collezione di chitarre di qualità fatte a mano dal duo.

ASZ Architetti è lo studio fondato da Andrea Sensoli nel 1998 e si occupa di prodotti industriali, interior design e progettazione di fascia alta. Quella di via Pizzi al numero 29 si aggiunge alle sedi di Firenze, Dubai e Shanghai.

Infine, il percorso si chiude con la collezione dell’ex avvocato penalista Ugo Guidi, che da trent’anni collezione cornici preziose durante i suoi viaggi i Europa: più di mille pezzi risalenti a diverse epoche, tra cui pezzi unici realizzati nel sedicesimo secolo.



Storytelling
Tendenze green: l’hi-tech sposa il legno
Places
In Cina il bar si nasconde dietro un distributore Coca-Cola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto