Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Places

Il nuovo planetario firmato Snøhetta, in Norvegia

Foresta di Haresua, 45 chilometri a nord di Oslo, comune di Lunner. Qui lo Studio Snøhetta ha realizzato un nuovo planetario e un centro visitatori per la più grande struttura astronomica della Norvegia, che prende il nome di Solobservatoriet. Il complesso è situato a 580 metri sopra il livello del mare ed è pensato per offrire ai visitatori un viaggio alla scoperta di una tra le più importanti stazioni di ricerca astronomica del Nord Europa, oltre che ammirare il fascino dell'aurora boreale.

Il progetto prevede un planetario che si sviluppa su 1500 metri quadri, dotato di cabine interstellari a forma di piccoli pianeti, dedicate alle diverse attività scientifiche nell'ambito dell'astronomia. Il nuovo centro visitatori, di proprietà dell'Istituto Tycho Brahe, è situato accanto all'osservatorio solare originale, una torre di ricerca di dodici metri costruita dall'Università di Oslo per l'eclissi solare totale del 1954.

In fase progettuale, gli architetti dello studio norvegese hanno studiato i principi base dell’astronomia per mettere a punto una serie di cabine, che possono ospitare un totale di 118 ospiti, collocate intorno al planetario, imitando il modo in cui i pianeti orbitano intorno al sole. Il più piccolo, Zolo, ha un diametro di 6 metri ed è equipaggiato di due posti letto per una notte sotto le stelle.

Il planetario è caratterizzato da un tetto sinuoso ricoperto di erba, erica selvatica e cespugli di mirtilli rossi che avvolgono la cupola dorata. Semi-ipogeo, il teatro a tre piani emerge dalla terra come un globo inciso con costellazioni, rivelandosi gradualmente. All’interno, il teatro celeste consente una proiezione realistica di stelle, pianeti e oggetti celesti ed è dotato di reception, bar e area espositiva con una rampa a chiocciola che conduce al soppalco e al tetto.

Storytelling
Foscarini: sogni illuminati
Places
Blox: spazi flessibili by OMA a Copenhagen
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale
L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


Al Museum of Modern Art un viaggio alla scoperta dei quarantacinque anni di architettura jugoslava. Fino al 13 gennaio 2019
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion