Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Quattropassi al Pescatore, Porto Cervo - Credits: Ph. Kate Berry
Places

Un ristorante con vista mare nel cuore di Porto Cervo


Il rinomato ristorante Quattropassi al Pescatore si trova nel cuore di Porto Cervo, nell’omonino hotel costruito negli anni Sessanta dal Principe Aga Khan.

A distanza di oltre 50 anni, la struttura è stata oggetto di intervento di recupero a cura di Blacksheep, studio multidisciplinare basato a Londra, fondato nel 2002 da Tim Mutton, che vanta prestigiose collaborazioni tra cui Ritz Carlton Hotels and Resorts e Mandarin Oriental Hotels.

Blacksheep ha scelto di preservare il carattere dell'architettura concentrandosi sui dettagli e introducendo nuovi elementi di design e arredi dall’animo classico. Gli spazi interni sono stati ridefiniti con sinuosi blocchi di travertino che danno vita al bar, al banco del pesce in bella vista e alla reception del ristorante. L’ambiente celebra il connubio con la natura circostante ed è contrassegnato da sospensioni in vetro, muri grezzi e con travi in legno a vista, piastrelle in terracotta, e sedute in legno custom made.

La terrazza con vista sul Mar Tirreno è punteggiata di tavoli, sedute e sospensioni intrecciate, e all’occorrenza si trasforma in una pista da ballo. I giardini che circondano il ristorante sono stati rivisitati introducendo essenze locali e la segnaletica è stata ridisegnata sulla base del carattere originale disegnato a mano e costruita in legno.

«Per questo progetto abbiamo voluto reinterpretare il tema degli anni Sessanta conferendo un twist contemporaneo», spiegano i progettisti. «L’idea è stata quella di combinare un design attuale con gli elementi idiosincratici dell'edificio originale».

Products
Il piatto Calendario Fornasetti per il 2019
Products
Una casa prefabbricata firmata Yves Béhar

You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Uno spazio espositivo di oltre 400 metri quadrati che va a sommarsi alle aperture di Parigi e Le Cannet
Le radici e le ali di Antonio Aricò

Le radici e le ali di Antonio Aricò

Durante la Design Week, il designer calabrese presenterà un documentario sul legame tra le sue opere e la sua terra d'origine, in una riflessione a più voci sulla contemporaneità dell'artigianato
Icon Design Talks 2019: il programma

Icon Design Talks 2019: il programma

La terza edizione del più grande appuntamento culturale della Milano Design Week. In onda dall’8 al 13 aprile presso la Fondazione Riccardo Catella
Palazzo Monti: residenza d

Palazzo Monti: residenza d'artista

Nel cuore di Brescia un'antica dimora di famiglia, risalente al XIX secolo, trasformata in residenza per artisti da tutto il mondo
Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

In occasione di MADE Expo, alla Triennale di Milano è andato in scena un talk che ha riunito sette protagonisti del settore edile per parlare delle nuove sfide che percorrono il campo della costruzione