Gli interni del nuovo Renaissance Paris Republique Hotel rispecchiano il melting pot della Parigi di oggi - Credits: Renaissance Paris Republique Hotel
Una camera del nuovo Renaissance Paris Republique Hotel - Credits: Renaissance Paris Republique Hotel
Una camera del nuovo Renaissance Paris Republique Hotel - Credits: Renaissance Paris Republique Hotel
Places

Il nuovo Renaissance Paris Republique Hotel

Con l’apertura del Renaissance Paris Republique Hotel, Marriott International pianta la sua sesta bandierina sulla città di Parigi.

L’albergo nasce dalle fondamenta di un edificio degli anni Settanta progettato da Jean-Jacques Fernier, nel cuore del quartiere Republique, poco lontano da Le Marais e Canal Saint Martin ed è stato riprogettato dal famoso designer Didier Gomez, noto per aver collaborato con importanti marchi del lusso quali Yves Saint Laurent, LVMHDe Beers.

Nel compito, Gomez si lascia ispirare dal concetto Fearlessly Chic: un modo di vivere gli spazi autentico e comfortevole che facilita l’esplorazione del quartiere e delle cose che contiene, compreso l’hotel stesso. Un modo di trascorrere la vacanza o il viaggio di lavoro in maniera consapevole, coinvolgente e attenta, all’insegna delle attività locali che rendono il quartiere - attualmente in forte crescita - uno dei più interessanti dell'intera città.

"Abbiamo progettato Renaissance Republique pensando innanzitutto alla comunità locale e creando una nuova destinazione all’interno del quartiere: crediamo, infatti, che questo sia ciò che il viaggiatore di oggi chiede ad un hotel"

Gomez prende a piene mani le influenze del quartiere, i negozi, gli atelier e li rielabora all'interno delle 121 camere. Il legno naturale e un tocco moderno donato da oggetti di illuminazione di "Art et Floritude" di Tom Dixon costituiscono un equilibrio perfetto, i mobili d'epoca di Jean Prouvé e Charlotte Perriand sono un omaggio all’eredità culturale dell’hotel.

L'albergo è lo specchio della città: all'interno degli spazi convivono con estremo contrasto e armonia legni esotici, pelli scure, sculture africane, mobili dall’Asia e opere di street art parigina. Esso consente alla natura e gli spazi urbani di Parigi di insediarsi all'interno, tramite motivi alberati nelle camere, plafoniere a forma di nuvola e una parete speculare ricoperta di piante sull’ampia terrazza dell'hotel. 

In aggiunta a tutto questo: una serie di comfort e aree lounge all'interno delle quali dimenticare per qualche ora il peso del tempo mentre si degusta qualche specialità al Martin Bar - progettato meticolosamente da Didier Gomez - o al ristorante Origin attualmente capitanato dalla Chef Bénédicte Van der Motte

Il Renaissance Paris Republique Hotel è un'opera di estremo impegno progettuale. Parigi è a due passi, perché non cogliere la palla al balzo?

Storytelling
Nello studio di Andrea Branzi
Milano Design Week
MaxDivani, divani ma non solo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto