Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Places

A Copenhagen, nel nuovo locale firmato Snøhetta

Inaugurato nei mesi scorsi nella stessa location - un magazzino risalente alla seconda metà del Settecento - che in passato ha ospitato il pluripremiato ristorante Noma, Barr offre ai suoi ospiti un menù che oltrepassa i confini della Danimarca, con proposte che attingono ai principali paesi affacciati sul Mare del Nord. A interpretare il nuovo corso di questo indirizzo di assoluto riferimento per gli amanti della cucina nordica è stato scelto lo studio Snøhetta, la cui principale sede è fissata proprio nel Nord Europa, a Oslo. I progettisti hanno portato a termine l'incarico legandosi al concetto di gestalt. 

L'intero impianto degli interni risulta dunque coerente e in armonia in tutti i suoi elementi costitutivi: dai rivestimenti agli arredi, dall'immagine coordinata ai dettagli della tavola. La declinazione di design nordico sviluppata nella storica North Atlantic House risulta guidata dalla giustapposizione tra antico e nuovo, con continui contrasti tra materiali caldi e ricercati e soluzioni informali. Al pavimento in rovere si contrappone l'impiego della pietra per le pareti; sul soffitto, alle travi in legno d'epoca si affiancano elementi lignei scolpiti di più recente fattura con luci spot da incasso

«Riteniamo di aver creato una sensazione di informalità formale», ha afferamto Peter Girgis, architetto d'interni senior dello studio Snøhetta. «Insieme allo chef e ristoratore Thorsten Schmidt abbiamo creato nuovi componenti, compresi mobili e armadi personalizzati, che migliorano l'identità e la filosofia di Barr, fornendo allo stesso tempo una connessione con lo spazio originale di Noma». 

Uno degli aspetti caratterizzanti dell'intervento è il massiccio bancone, anch'esso in legno scolpito, il cui esteso volume attiva un collegamento tra due stanze attigue. Snøhetta, infine, per l'occasione ha concepito anche il nuovo logo e l'identità visiva di Barr. Fondamentali, in questo specifico ambito, sono stati le ricerche condotte tra testimonianze del patrimonio tipografico della regione del Mare del Nord: la loro influenza è stata determinante anche per la creazione del font originale denominato Barr Gräbenbach. Materiali grezzi come legno, pelle e lana evocano l’influenza nordica del ristorante e si associano a una palette cromatica che reinvia alla natura locale.

Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
Barr a Copenhagen, progetto di Snøhetta - Credits: Ph. Line Klein
News
La nuova boutique Dolce & Gabbana a Monte Carlo
Storytelling
La 25esima edizione della Biennale di Design di Lubiana
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Un progetto di tesi realizzato dagli studenti di IED Roma che mette insieme design e sostenibilità
Ripercorrere i sentieri della storia: il nuovo Jameel Arts Centre di Dubai

Ripercorrere i sentieri della storia: il nuovo Jameel Arts Centre di Dubai

Nasce il primo museo indipendente d'arte contemporanea a Dubai. Un centro dedicato alla creatività che scorre nelle regioni del Golfo, alla ricerca delle trame che ne compongono l'identità
Sei architetti chef per una sera

Sei architetti chef per una sera

Succede a Venezia, in occasione di ArchichefNight 2018: martedì 20 novembre l’architettura si sposta ai fornelli
Edison e Fondazione Prada: insieme per la sostenibilità

Edison e Fondazione Prada: insieme per la sostenibilità

Una partnership green che guarda al futuro, per un uso efficiente delle risorse all’interno degli spazi espositivi, evitando sprechi energetici
70 anni di prodotti Coop in mostra alla Triennale

70 anni di prodotti Coop in mostra alla Triennale

Curata da Giulio Iacchetti e Francesca Picchi, omaggia l’universo dei prodotti targati Coop nel panorama delle proposte italiane