Credits: Ph. Janez Martincic
Places

Un rifugio alpino in equilibrio sul Monte Canin

Non è la prima volta che il team di OFIS Arhitekti si confronta con altitudini record e condizioni climatiche impervie. Già nel 2014 lo studio di base a Lubiana fondato nel 1996 da Rok Oman e Špela Videčnik aveva realizzato Skuta, rifugio alpino arroccato in cima all’omonima montagna slovena, collaborando a stretto contatto con gli studenti della Harvard Graduate School of Design.

La nuova sfida di OFIS è stata realizzare un progetto ad alta quota, una piccola abitazione, in un luogo remoto caratterizzato da un terreno accidentato, soggetto repentini cambiamenti di temperature e perturbazioni. Il sito in questione è la parete rocciosa del Monte Canin, una delle catene montuose delle Alpi Giulie, alta 2587 metri e accessibile esclusivamente a piedi o tramite elicottero.

Il rifugio alpino poggia su una minima porzione della roccia ed è mantenuto in equilibrio da una serie di cavi. Il volume in legno è compatto e si sviluppa su tre livelli, con un’ampia vetrata che affaccia sulla vallata e sulla cittadina di Plezzo.
Gli interni sono caratterizzati da un design essenziale, subordinato alla funzione: fornire un alloggio per un massimo di nove persone, tra escursionisti, alpinisti, speleologi e più in generale amanti della natura.

Tutto intorno: una vista generosa su Italia e Slovenia, con scorci sul Monte Tricorno, la Valle della Soca e il Mar Adriatico.

Credits: Ph. Ales Gragoric
Credits: Ph. Janez Martincic
Credits: Ph. Janez Martincic
Credits: Ph. Janez Martincic
Credits: Ph. Janez Martincic
Credits: Ph. Ales Gragoric
Credits: Ph. Ales Gragoric
Credits: Ph. Ales Gragoric
Credits: Ph. Ales Gragoric