Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Imingfjell, Norvegia, progetto di Arkitektvaerelset - Credits: Ph. Marte Garmann
Places

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

L'area montuosa in alta quota di Imingfjell, in Norvegia, concede una vista mozzafiato, ma è molto esposta agli agenti atmosferici e soggetta a forti venti. Per questo lo studio di progettazione Arkitektvaerelset, nel realizzare un rifugio a 1125 metri di altitudine, ha optato per una struttura ritmata da solidi pannelli in legno e due tetti spioventi che disegnano angoli da 22 e 27 gradi.

«I limiti sono un terreno fertile per la creatività», racconta Grethe Løland, al timone dello studio Arkitektværelset. «In questo caso è stato fondamentale lavorare rispettando i confini imposti dalla natura del luogo».

Un po’ come fosse un cappuccio, il tetto svolge una funzione pratica di protezione dalle intemperie, ma anche fortemente estetica, creando un contrasto geometrico tra i pannelli in legno di pino e il corpo cabina verniciato in nero. «L’edificio si trasforma in una vera e propria scultura architettonica, differenziandosi dai tanti rifugi presenti nell’area», aggiunge Løland.

Le finestre a tutta altezza e le grandi porte scorrevoli nella parte anteriore consentono di apprezzare il panorama circostante, trasformando il rifugio in un punto di osservazione privilegiato. All'interno, pavimenti e rivestimenti in rovere riflettono i colori naturali del luogo. Il cottage più accogliere un massimo di dodici persone, ed è dotato di camera da letto matrimoniale, bagno, attico e una sauna che all’occorrenza si trasforma in camera per gli ospiti.

Products
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design
Places
Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Il nuovo showroom Marazzi a Lione

Uno spazio espositivo di oltre 400 metri quadrati che va a sommarsi alle aperture di Parigi e Le Cannet
Le radici e le ali di Antonio Aricò

Le radici e le ali di Antonio Aricò

Durante la Design Week, il designer calabrese presenterà un documentario sul legame tra le sue opere e la sua terra d'origine, in una riflessione a più voci sulla contemporaneità dell'artigianato
Icon Design Talks 2019: il programma

Icon Design Talks 2019: il programma

La terza edizione del più grande appuntamento culturale della Milano Design Week. In onda dall’8 al 13 aprile presso la Fondazione Riccardo Catella
Palazzo Monti: residenza d

Palazzo Monti: residenza d'artista

Nel cuore di Brescia un'antica dimora di famiglia, risalente al XIX secolo, trasformata in residenza per artisti da tutto il mondo
Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

Dal progetto alla costruzione: le sfide possibili

In occasione di MADE Expo, alla Triennale di Milano è andato in scena un talk che ha riunito sette protagonisti del settore edile per parlare delle nuove sfide che percorrono il campo della costruzione