La veranda della Sede do Campo de Golfe Olímpico situato a Barra da Tijuca, Rio de Janeiro - Credits: Leonardo Finotti
Places

Rio 2016: cosa vedere durante i Giochi Olimpici

Le Olimpiadi di Rio 2016 si avvicinano.

Dal 5 al 21 agosto comincia uno degli eventi più attesi in assoluto, sia per gli sportivi sia per i semplici curiosi. 

I passati mondiali e, per l'appunto, i prossimi Giochi Olimpici hanno permesso al Brasile di avviare un processo di sviluppo urbano e strutturale che pare non volersi arrestare nemmeno per un istante. 

Architettonicamente, il paese sembra vivere un periodo di fertile riqualificazione: le zone abbandonate e degradate - come l'area portuale - godono di nuova energia, grazie all'opera di illustri architetti. 

Il nome di Oscar Niemeyer riaffiora più volte, così come lo stile modernista che esso si trascina dietro.

Olimpiadi di Rio 2016: sostenibilità ed efficienza 

In un momento storico in cui i criteri di strategie e progettazione sostenibile sono al centro del lavoro dell'architetto, le Olimpiadi del 2016 sono state pensate per essere i primi giochi olimpici organizzati con occhio di riguardo alla riduzione dei consumi energetici e il controllo degli sprechi. 

Dopo una breve introduzione al fenomeno del cambiamento urbano in atto a Rio de Janeiro, abbiamo colto l'occasione per selezionare cinque architetture da visitare assolutamente in città.

il MAC - Museu de Arte Contemporânea de Niterói - si alza da terra tramite una base cilindrica di 9 metri di diametro che supporta l'intero edificio. Una piscina sottostante riflette con 817 mq di superficie e 60 cm di profondità, il tutto per conferire leggerezza all'edificio - Credits: Leo Zulluh
La grande rampa esterna in cemento rosso conduce il visitatore agli ingressi dei piani superiori. Al primo piano ingresso c'è l'accoglienza e l'amministrazione. Appena sopra il secondo piano, la sala espositiva centrale circondata da un balcone circolare di vetro dove si può ammirare la vista panoramica sulla baia di Guanabara - Credits: Leo Zulluh
The Museum of Tomorrow è la nuova icona di rinnovamento della zona portuale di Rio. È un museo di scienze che promuove l’esplorazione, l’analisi e la pianificazione di possibili scenari per il futuro - Credits: Museu do amanha
Il museo, disegnato dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava, ha una forma organica che trae ispirazione dalle bromeliacee del giardino botanico di Rio. Situato in Praça Mauá, la struttura occupa 15,000 metri quadrati e siede su una piazza di 34,600, con piscine riflettenti, spazi verdi, ciclabili e una zona per una sosta ricreativa - Credits: Museu do amanha
L'Olympic Golf Clubhouse di Rio è un edificio organizzato come una comoda veranda, che dissolve i confini tra il paesaggio, la struttura, e lo sportivo. Una piazza coperta da una grande tettoia che ripara e genera ombra, producendo un ambiente piacevole - Credits: Leonardo Finotti
Nella progettazione dell'L'Olympic Golf Clubhouse rientrano elementi architettonici brasiliani tradizionali come ombrelloni, "brise-soleis" e "cobogós", al fine di creare il comfort e collegare gli spazi tra interno ed esterno. L'attenzione a questi spazi intermedi è quindi una parte imprescindibile della progettazione architettonica - Credits: Leonardo Finotti
Il MAR - Museo d'Arte di Rio - è uno spazio dedicato all'arte e alla cultura visiva. Ospita mostre che illustrano una lettura trasversale della storia della città, del suo tessuto sociale, la vita simbolica, i conflitti, le sue contraddizioni, le sfide e le aspettative - Credits: Museu de Arte do Rio
Situato a Praça Mauá, MAR occupa due edifici adiacenti: uno più antico, che ospita la sala espositiva, costruito in uno stile eclettico; un altro più recente, un edificio. Progettato dallo studio di Rio de Janeiro Bernardes + Jacobsen, il complesso è unito da una copertura di calcestruzzo fluido che ricorda un'onda - Credits: Museu de Arte do Rio
Il Palácio Gustavo Capanema è un edificio modernista governativo che è stato progettato da Lúcio Costa, Carlos Leão, Jorge Machado Moreira, Oscar Niemeyer, Affonso Eduardo Reidy, ed Ernani Vasconcelos. Le Corbusier ha inoltre prestato la propria consulenza in merito al progetto - Credits: Flickr - Ph. Kathia Shieh
Il Palácio Gustavo Capanema è particolarmente importante nella storia dell'architettura del Brasile. Il modernismo ha sancito il passaggio dal "vecchio" Brasile, non sviluppato, impoverito e conservatore, al "nuovo" - Credits: Flickr - Ph. Zonda Bez
News
Alejandro Aravena ospite alla Triennale di Milano
News
Il nuovo numero di Icon Design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento