Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Mout Foodhall, progetto Zecc - Credits: Ph. Stijnstijl Fotografie
Places

L’ex garage si trasforma in un polo gastronomico, in Olanda

Nella cittadina olandese di Hilversum, a due passi da Amsterdam, quello che un tempo veniva definito come "l'edificio più brutto del centro" si è trasformato in una meta per appassionati di cucina.

Il progetto del nuovo polo gastronomico Mout Foodhall è stato realizzato dallo studio di progettazione Zecc e nasce sulle ceneri di un vecchio edificio con tetto curvo di proprietà di Eurobioscoop.

L’intervento di ristrutturazione e rinnovo dell’architettura, costruita nel 1912 per la compagnia automobilistica De Wit, ha rivelato la bellezza della facciata originale in stile Art Nouveau, precedentemente nascosta da strati di compensato e lastre di metallo.

Oggi Mout Foodhall ospita un’ampia sala soppalcata, sette cucine internazionali, cocktail bar e un microbirrificio artigianale, per una superficie totale di 750 metri quadri.

Gli interni sono caratterizzati da un mood industriale, tra muri grezzi, pavimentazioni rustiche e grovigli di tubature volutamente lasciate a vista. Qui si alternano arredi realizzati con materiali semplici, come ampi tavoli in legno e acciaio, sgabelli, divani in pelle e panche . Il risultato è un'ambiente conviviale, dove si respira un'atmosfera accogliente e informale.