Gli interni del ristorante T'a - Credits: T'a
Places

I migliori ristoranti di design a Milano

A Milano, la buona cucina non manca, questo si sa. Ma come orientarsi nella miriade di proposte culinarie?

La città brulica di nuove aperture che danno vita a un panorama gastronomico sempre più vivace e diversificato.

Ma ci sono anche tanti must dell’eccellenza meneghina, dove trascorrere la serata degustando prelibatezze avvolti da atmosfere uniche.

Per non incappare nelle classiche trappole per turisti, abbiamo confezionato una breve guida ai migliori ristoranti di design di Milano.

Prendete carta e penna, ecco gli indirizzi gourmet da segnare in agenda.

Ristorante Pisacco

Credits: Pisacco - Ph. Santi Caleca
Credits: Pisacco - Ph. Santi Caleca
Credits: Pisacco - Ph. Santi Caleca

Da Pisacco, nel cuore di Brera, l’atmosfera è informale, amichevole. Il ristorante è caratterizzato da interni moderni, articolati su due piani. La linea di proposte è curata dallo chef stellato Andrea Berton, che ha affidato la cucina ad una squadra affiatata guidata dallo chef Gabriele Faggionato.

Dove: Via Solferino 48

Ristorante La Mantia

Credits: La Mantia - Ph. Gianmarco Chieregato
La Mantia - Ph. Gianmarco Chieregato - Credits: La Mantia
Credits: La Mantia

Con i suoi 1800 metri quadrati, La Mantia si configura come il tempio della cucina siciliana firmato Piero Lissoni. Bar diurno, bar notturno, ristorante, con tanto di area relax e musica diffusa. «Nei miei piatti tutto è siciliano. A partire dalla materia prima», spiega lo chef Filippo La Mantia, che propone ricette della tradizione, ma anche street food e pasticceria.

Dove: Piazza Risorgimento, 2/a

Ristorante T'a Milano

Credits: T'a Milano
Credits: T'a Milano
Credits: T'a Milano

Entrare da T’a, il locale di Tancredi e Alberto Alemagna dell'azienda cioccolatiera Alemagna, significa immergersi in un’atmosfera di estrema eleganza. Ristorante, pasticceria, caffetteria, bistrot e cocktail bar, T’a si distingue per il suo design curato nei minimi dettagli da Studio Vincenzo De Cotiis Architects. Protagonista della cucina è lo chef bresciano Umberto Vezzoli.

Dove: Via Clerici 1

Terrazza Triennale

Credits: Terrazza Triennale - Ph. Michele Nastasi
Credits: Terrazza Triennale - Ph. Michele Nastasi
Credits: Terrazza Triennale - Ph. Michele Nastasi

Per una cena con vista mozzafiato su Milano, non può mancare il nuovo ristorante Terrazza Triennale progettato dallo studio di architettura OBR. Salendo sulla Terrazza Panoramica del Palazzo dell’Arte si viene accolti all’interno di una serra trasparente immersa nel verde e sospesa sul Parco Sempione, direttamente affacciati sul Castello Sforzesco e l’intero skyline di Milano. Re della cucina è Stefano Cerveni, Chef del Due Colombe in Franciacorta.

Dove: Viale Emilio Alemagna 6

Ristorante VUN al Park Hyatt

Credits: VUN
Credits: VUN
Credits: VUN

A due passi dal Teatro Alla Scala, sorge il ristorante VUN all'interno del Park Hyatt Hotel, la catena alberghiera di proprietà della famiglia Pritzker, meglio conosciuta per l’omonimo premio per l'architettura. Progettato nel 2014 dall’architetto Flaviano Capriotti, VUN è aperto solo a cena dal martedì al sabato e dispone di una sala privata da 8 coperti. Alla guida del ristorante c’è lo chef Andrea Aprea, classe 1977, stella Michelin dal 2012.

Dove: Via Silvio Pellico 3

Ristorante D'O

Credits: Ristorante D'O
Credits: Ristorante D'O
Credits: Ristorante D'O

Progettato da Piero Lissoni, il nuovo ristorante D’O dello chef Davide Oldani fa sentire gli ospiti a casa. È sviluppato su due piani ed è in grado di accogliere 48 coperti, immersi tra arredi ergonomici, con tavoli e sedute disegnati dallo stesso Oldani. Si affaccia sulla piazza di Cornaredo, proprio a due passi da Milano.

Dove: Piazza della Chiesa, San Pietro all'Olmo di Cornaredo (MI)

Ristorante LUME

Credits: LUME
Credits: LUME
Credits: LUME

Fresco di apertura, LUME nasce negli spazi della ex fabbrica di porcellane Richard Ginori a Milano È il nuovo, luminosissimo ristorante milanese dello chef stellato Luigi Taglienti nato su progetto dell’architetto Monica Melotti, chief design officer di MB America.

Dove: Via Giacomo Watt 37

Ristorante Pacifico

Credits: Pacifico
Credits: Pacifico
Credits: Pacifico

Un ristorante peruviano d’alta cucina guidato dallo chef Jaime Pesaque. Pacifico è il baluardo milanese della cultura e dei sapori peruviani con influenze asiatiche. Gli interni sono stati affidati alla interior designer Marsica Fossati ed evocano atmosfere rilassate, fatte di luci soffuse e tinte blu oltremare e grigio freddo. Un viaggio alla scoperta dell’Oceano Pacifico, tra splendide carte da parati Hermès e Fornasetti.

Dove: Via della Moscova 29, Milano

Ristorante Potafiori

Credits: Potafiori
Credits: Potafiori
Credits: Potafiori

Nato da un’idea di Rosalba Piccinini, Potafiori è un luogo unico a Milano: negozio di fiori, ma anche ristorante. In cucina c’è il giovane chef Giorgio Bresciani che propone piatti semplici, aggiornando il menù settimanalmente in base alla disponibilità del mercato, alla stagione e all’intuito della cucina che segue il mood del negozio.

Dove: Via Salasco 17

Carlo e Camilla in Segheria

Credits: Ph. Nathalie Krag per Tanja Solci Studio
Credits: Ph. Nathalie Krag per Tanja Solci Studio
Credits: Ph. Nathalie Krag per Tanja Solci Studio

A Milano è una tappa fissa per chi ama la buona cucina. Carlo e Camilla in Segheria un progetto nato dal sodalizio di tre menti creative: Carlo Cracco, per la cucina, Tanja Solci, art director e Nicola Fanti, ristoratore.

È ospitato negli spazi di una storica segheria milanese, di cui conserva tutti gli elementi originali: muri, pavimentazioni e alcuni degli strumenti di lavoro. L’atmosfera è conviviale e l’allestimento prevede due lunghi tavoli in legno intersecati in grado di accogliere fino a 65 persone, tra pezzi firmati Cappellini e Richard Ginori. 

La cucina è affidata allo chef Luca Pedata e prevede una reinterpretazione della tradizione in chiave contemporanea. Da abbinare alle portate del ristorante o da sorseggiare come aperitivo e after dinner  sono i cocktail di Filippo Sisti.

Dove: Via Giuseppe Meda 24, Milano

News
Golran sbarca a Milano
News
L'arte degli anni '50 e '60 vista dai rotocalchi
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”