Credits: Le Flandrin
Places

I migliori ristoranti di design a Parigi

Dopo l'appuntamento con i migliori ristoranti di design milanesi, eccoci approdare in terra francese, a Parigi.

Tra ristoranti stellati e novità meno conosciute, sono tanti gli indirizzi da non perdere nella capitale, soprattutto se si desidera unire l'esperienza gourmet ad atmosfere esclusive, progettate dai grandi nomi del design dell'architettura.

A fare da protagonista è ovviamente la cucina francese, ma non solo. A Parigi il design incontra le culture culinarie più disparate, offrendo luoghi che racchiudono mondi lontani e dimensioni parallele.

Ecco una piccola guida dei migliori ristoranti di design parigini.

Monsieur Bleu

Monsieur Bleu
Monsieur Bleu
Monsieur Bleu

All'interno del Palais de Tokyo, un ristorante avvolgente, caratterizzato da arredi minimalisti che giocano con i toni del verde e con i materiali caldi, come quelli del velluto. Firmato dall'architetto Joseph Dirand, Monsieur Bleu è un luogo esclusivo che accoglie i visitatori del museo per un pranzo o una cena raffinati, ma anche per un un té o un caffè tra amici.

  • Dove: 20 Avenue de New York, 75116 Paris

Alain Ducasse Au Plaza Athénée

Alain Ducasse Au Plaza Athénée
Alain Ducasse Au Plaza Athénée
Alain Ducasse Au Plaza Athénée

Alain Ducasse è forse lo chef più famoso del mondo, con 20 ristoranti stellati sparsi per l'Europa e non solo. Non è da meno il suo ultimo indirizzo, inaugurato presso l'hotel Au Plaza Athénée, che ha ricevuto nel 2016 le 3 stelle Michelin. Più che un ristorante, un'esperienza che coinvolge i 5 sensi, grazie agli ambienti realizzati dai designer Patrick Jouin and Sanjit Manku, che hanno voluto creare un ambiente che si sposasse con il menù del ristorante, basato sul triangolo pesce-ortaggi-cereali.

  • Dove: 25 Avenue Montaigne, 75008 Paris

Divellec

Divelles
Divelles
Divelles

Il celebre ristorante parigino Divellec ha cambiato volto. A progettare gli interni è stato lo studio KO, che è partito dal mare e dalla sua fauna per realizzare un ambiente elegante ma al contempo informale. “L’interno ricorda una navata con la sua successione di archi. Il pavimento a terrazzo con marmi nelle tonalità dei rosa, verdi, grigi e rosso è un fondale marittimo onirico.” - hanno commentato i designer dello studio. Un luogo in cui gustare ottimi piatti di pesce, immergendosi in un ambiente ricercato e di design.

  • Dove: 18 rue Fabert 75007 Paris

Eugene Eugene

Eugene Eugene
Eugene Eugene
Eugene Eugene

Un ristorante, ma anche un bar, una serra e una terrazza fiorita. Se si amano gli ambienti più originali, Eugene Eugene è uno degli indirizzi più d'effetto di Parigi. A firmare gli interni è lo studio KO, che per il ristorante ha pensato ad arredi semplici che strizzano l'occhio alla tradizione parigina, creando atmosfere minimaliste che si sposano con l'architettura dell'edificio.

  • Dove: 38 rue Eugène Eichenberger 92800 Puteaux

Très Honoré

Très Honoré
Très Honoré
Très Honoré

Si definisce “brasserie contemporanea con giardino incantato”. E in effetti, il ristorante Très Honoré unisce le atmosfere delle tipiche brasserie francesi a dettagli botanici, con fiori, piante, ma anche stampe e moquette fiorite. A capeggiare tra gli ambienti sono gli specchi decorati, che riflettono gli altri grandi protagonisti del ristorante: gli sciami di lampadari preziosi.

  • Dove: 35 Place du Marché Saint-Honoré, 75001 Paris

Le Flandrin

Le Flandrin
Le Flandrin
Le Flandrin

Le Flandrin è uno degli indirizzi più in voga di Parigi. Un ristorante storico, aperto nel 1932, che ha trovato ora una nuova identità grazie al progetto dell'architetto Joseph Dirand. È stato lui a ispirarsi alle atmosfere originali del ristorante per creare un luogo moderno, caratterizzato da trame geometriche, tessuti preziosi e palette color mostarda, alternate ai toni del nero e dell'oro.

  • Dove: 4 Place Tattegrain, 75116 Paris

Miss Kô

Miss Kô
Miss Kô
Miss Kô

Entrare da Miss Kô è come venire catapultati in un'altra dimensione, dominata dal kitsch e dal surreale. A firmare gli interni del celebre ristorante asiatico è Philippe Starck, che ha realizzato un ambiente caleidoscopico, in cui si alternano proiezioni multicolor, gigantesche decorazioni e murales. Il tutto con un tocco rock'n roll (e un pizzico di nonsense).

  • Dove: 51 Avenue George V, 75008 Paris

Caffè Stern

Caffé Stern
Caffé Stern
Caffé Stern

Una caffetteria storica parigina, portata a nuova vita nel 2014 dallo chef italiano Massimiliano Alajmo. A occuparsi del rewamp del locale è stato invece Philippe Starck, che rimanendo fedele agli arredi originali ha realizzato un luogo sospeso tra passato e presente, un indirizzo per scoprire l'eccellenza culinaria italiana immergendosi nella storia della città.

  • Dove: 47 passage des panoramas, 47 Galerie des Variétés, 75002 Paris

Café de l'Homme

Café de l'Homme
Café de l'Homme
Café de l'Homme

Là, dove nel 1938 nacque il Musée de l'Homme – vero e proprio viaggio attraverso l'evoluzione dell'uomo e della società - ha riaperto il Café de l'Homme, storico ristorante parigino oggi ristrutturato dall'architetto Gilles et Boissier. Con una vista spettacolare sulla tour Eiffel, il Café de l'Homme offre atmosfere art déco sviluppate attorno agli arredi originali degli anni 30, arricchiti questa volta da un tocco contemporaneo.

  • Dove: 17 place du Trocadéro, 75016 Paris.

David Toutain

David Toutain
David Toutain

Atmosfere minimaliste, dominate dal legno, fanno da contraltare ai piatti semplici ma ricercati dello chef David Toutain. Uno spazio dedicato alla convivialità, con grandi tavoli da condividere, che rispecchia l'amore per la terra dello chef. I materiali scelti per gli arredi, tutti naturali, richiamano i boschi e la campagna.

  • Dove: 29 Rue Surcouf, 75007 Paris
News
Il primo ufficio mobile, elettrico al 100%
Storytelling
Designing the future: 5 domande alla curatrice Annalisa Rosso
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto