Credits: © Room Mate Hotels
Places

Room Mate Giulia, l’ospitalità a Milano secondo Patricia Urquiola

Sotto l'egidia progettuale di Patricia Urquiola apre a Milano il Room Mate Giulia, terza proprietà della catena spagnola ad inaugurare sul territorio italiano dopo Room Mate Luca e Room Mate Isabella a Firenze.

Le 85 stanze a pochi passi da Piazza Duomo e da Galleria Vittorio Emanuele sembrano riflettere perfettamente la contemporaneità della capitale meneghina: la palette colori classica arricchita da inaspettati accenti di colore, l'inserimento ragionato di elementi di architettura industriale all'interno di un contesto moderno e l'utilizzo di componenti materiche a contrasto.

Materiali come il marmo rosa - lo stesso del Duomo - ed i mattoni in terracotta tipici dell'architettura milanese sottolineano il legame della struttura con la città. Il vintage feel ed il sapore domestico delle camere trasmette una sensazione di familiarità con ambienti essenziali mentre tutte le opere, dalle foto alle illustrazioni, sono frutto del lavoro di artisti milanesi.

«Lavorare per Room Mate è meraviglioso, mi hanno dato totale libertà e non hanno paura di fare la differenza. Room Mate Giulia è un hotel che raccoglie in sé l’essenza milanese. È nuovo, fresco, divertente e accogliente. Interpreta Milano attraverso i suoi colori, i materiali, le immagini, l’ironia, la stratificazione di linguaggi e la anche la sua rigorosità. Room Mate Giulia ha la sua personalità e promette ai suoi ospiti un’esperienza unica a Milano», così la designer spagnola ha commentato la collaborazione Room Mate Hotels.

La divisione contract di Cassina, di cui la Urquiola è Art Director, ha curato gli interni realizzando su misura tutti gli elementi d'arredo del Room Mate Giulia, dai letti ai divani, dalle scrivanie agli armadi.

Credits: © Room Mate Hotels
Credits: © Room Mate Hotels
Credits: © Room Mate Hotels
Credits: © Room Mate Hotels
Credits: © Room Mate Hotels
Credits: © Room Mate Hotels
Storytelling
Jasper Morrison, i 35 anni di carriera del designer inglese
Storytelling
Chuck out your chintz, la campagna IKEA che ha cambiato lo stile inglese
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento