Il terminal accoglie traghetti e navi da crociera regionali e internazionali - Credits: Helene Binet
Places

Salerno, il Terminal Marittimo firmato Zaha Hadid

Il team Zaha Hadid Architects termina il primo progetto dopo la scomparsa della fondatrice, l’archistar Zaha Hadid.

È il nuovo Terminal Marittimo di Salerno, inaugurato il 25 aprile scorso e pronto ad accogliere traghetti e navi da crociera provenienti da tutto il mondo.

L’architettura, con le sue forme morbide e fluenti, crea un collegamento visivo e funzionale tra mare e terra. Le sue terrazze offrono una visione mozzafiato del Golfo di Salerno e della costiera amalfitana.

“Come un’ostrica, una conchiglia possente e asimmetrica, il terminal protegge i passeggeri dal sole intenso del Mediterraneo durante la stagione estiva” afferma il team.

Una banchina in leggera ascesa accoglie i passeggeri suggerendo l’itinerario da seguire per raggiungere le rampe d’imbarco delle navi. Gli interni separano arrivi regionali e internazionali in maniera efficace e impercettibile. Durante la notte la luce del terminal svolge l’attività guida di un faro, accogliendo i visitatori nella città.

Il nuovo Terminal Marittimo permetterà, inoltre, alla città di Salerno di incrementare gli arrivi via traghetto e nave di oltre 500.000 passeggeri ogni anno, creando più di 2.000 nuovi posti di lavoro.

Il progetto, risalente a un Concorso Internazionale di progettazione vinto nel 2000, è parte di un ampio ridisegno del water-front cittadino e - come dichiarato durante l’inaugurazione dal primo ministro Matteo Renzi - è un modo di ricordare il grande architetto Zaha Hadid.

Il nuovo Terminal Marittimo di Salerno - Credits: Helene Binet
Il Terminal è uno degli ultimi progetti di Zaha Hadid - Credits: Helene Binet
La sua forma ricorda un’ostrica, una conchiglia possente e asimmetrica - Credits: Helene Binet
L’architettura firmata Zaha Hadid ha forme morbide e fluenti - Credits: Helene Binet
Il terminal fa parte di un piano di ridisegno del water-front cittadino - Credits: Helene Binet
Le terrazze offrono una vista mozzafiato del Golfo di Salerno - Credits: Helene Binet
Gli interni dirigono i passeggeri in maniera efficace e impercettibile - Credits: Helene Binet
L’architettura porta il segno inconfondibile dell’architetto anglo-irachena - Credits: Helene Binet
Storytelling
Servomuto: a tutta luce
News
Raw Edges e David Rockwell sul nuovo numero di Icon Design
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Design hotel a Firenze 


Design hotel a Firenze 


Nei pressi della Fortezza da Basso, M7 Contemporary Apartments mette insieme il comfort di una casa e i servizi dell’hotellerie tradizionale
L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


L’architettura dell’ex Jugoslavia in mostra a New York


Al Museum of Modern Art un viaggio alla scoperta dei quarantacinque anni di architettura jugoslava. Fino al 13 gennaio 2019
Essere e tempo

Essere e tempo

Trasparenze evanescenti, sfumature naturali e pensieri fluttuanti scanditi da orologi e accessori importanti. Sono attimi sospesi per giocare con i dettagli preziosi del momento
I quadri di Marc Chagall a Mantova

I quadri di Marc Chagall a Mantova

In concomitanza con il Festivaletteratura, dal 5 settembre, Palazzo della Ragione ospita oltre 130 opere tra cui il ciclo completo dei 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920
Una notte al Joshua Tree, in California

Una notte al Joshua Tree, in California

Un’oasi di pace dove godere di uno scenario mozzafiato nel bel mezzo del deserto, tra rocce scolpite e cieli stellati. Ecco Folly dello studio Cohesion