Serpentine Pavilion 2016 progettato da Bjarke Ingels Group (BIG) - Credits: Iwan Baan
Serpentine Pavilion 2016 progettato da Bjarke Ingels Group (BIG) - Credits: Bjarke Ingels Group (BIG)
Serpentine Summer House 2016 progettata da Kunlé Adeyemi - Credits: NLÉ
Serpentine Summer House 2016 progettata da Kunlé Adeyemi - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Barkow Leibinger - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Barkow Leibinger - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Barkow Leibinger - Credits: Barkow Leibinger
Serpentine Summer House 2016 progettata da Yona Friedman - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Yona Friedman - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Asif Khan - Credits: Iwan Baan
Serpentine Summer House 2016 progettata da Asif Khan - Credits: Iwan Baan
Places

Le Summer Houses della Serpentine Gallery di Londra

Come ogni anno, la Serpentine Gallery di Londra ha chiesto a quattro architetti di interpretare il concetto di summer house, creando strutture visionarie che ne rievocano il significato attraverso i secoli.

Nei giardini di Kensington nascono così quattro architetture che dialogano con un padiglione centrale - di giorno sede di un bar e di attività per famiglie, di notte teatro degli spettacoli e performance del Park Nights Programme - ideate attorno al tema chiave della manifestazione, questa volta il tempio della Regina Carolina, una struttura neoclassica costruita nel 1734.

A creare il pavillon centrale è stato lo studio Bjarke Ingels Group dell’architetto danese Bjarke Ingels, che ispirandosi all'ariosità tipica delle residenze estive ha progettato una struttura fluida ma al contempo rigorosa, evanescente eppur scultorea. Visto da lontano, il muro di mattoni sembra prendere il volo per poi scomparire, dando l'idea di una figura che dolcemente si disintegra.

Attorno a lui sorgono le quattro Summer Houses di quest’anno, nate dall’inventiva di architetti provenienti da tutto il mondo: quella del nigeriano Kunlé Adeyemi, che ha ricreato il tempio di Carolina svuotando e riempiendo gli spazi al contrario, del berlinese Barkow Leibinger, che ha tratto ispirazione da un'altra architettura realizzata da William Kent (ideatore del tempio di Carolina), del 93enne Yona Friedman, che torna al suo progetto La Ville Spatiale per dare vita a una catena spaziale dalla struttura modulare, e infine del britannico Asif Khan, che immagina la residenza della regina oggi, capace di amplificare il riflesso di un laghetto accanto al museo, ai tempi non ancora esistente.

Inaugurate il 10 giugno, le Serpentine Summer Houses offriranno ombra e relax agli avventori per tutta la stagione estiva (come da definizione, del resto) fino al 9 ottobre.

Places
I cinque stadi più belli di Euro 2016
News
Brickell Flatiron: un grattacielo italiano a Miami
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto