Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Places

Stanze d’ospedale immerse nella natura, in Norvegia

Accoglienti strutture in legno completamente immerse nella natura, a due passi dai più grandi ospedali norvegesi. Il progetto Outdoor Care Retreats di Snøhetta, realizzato su commissione della Fondazione Friluftssykehuset, punta a migliorare la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie offrendo una pausa fisica e psicologica da regimi di trattamento rigorosi e dall'isolamento che spesso segue la degenza a lungo termine.

Il primo esempio di Outdoor Care Retreat è ubicato poco distante dal più grande ospedale norvegese, il Polo universitario di Oslo Rikshospitalet, a soli cento metri dalla struttura. Un secondo rifugio si trova nel bosco di latifoglie dell'ospedale Sørlandet Kristiansand, nel sud della Norvegia, tra querce e betulle. Sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Psicosomatica e CL-Child Psychiatry dell'Ospedale universitario di Oslo, Outdoor Care Retreat concede uno spazio sereno e riparato, puntando sui benefici terapeutici che la natura offre.

«La natura offre uno scenario di gioia spontanea e aiuta i pazienti a rilassarsi: stare in un ambiente naturale porta loro una rinnovata calma, che perdura anche una volta tornati in ospedale. In questo senso Outdoor Care Retreat aiuta a motivare i pazienti ad affrontare le cure e contribuisce a migliorare la gestione della malattia», ha dichiarato la psicologa infantile Maren Østvold Lindheim dell'ospedale universitario di Oslo.

Ogni unità si sviluppa su 35 metri quadri ed è caratterizzata da una struttura in legno asimmetrica e luminosa, facilmente accessibile anche dai pazienti in sedia a rotelle. Tutti gli ingressi sono concepiti in modo da consentire agevolmente l’accesso dei letti d’ospedale. Gli interni sono dominati da un rivestimento in legno di rovere, che richiama l’ambiente circostante, e comprendono una stanza principale, una stanza più piccola per la conversazione e il trattamento e un bagno. Tutte le cabine sono provviste di un’ampia finestra vetrata che mette in dialogo il rifugio con l’esterno e consente ai pazienti di osservare, ascoltare e apprezzare suoni e profumi della natura.

Storytelling
Edoardo Tresoldi e le infinite forme dell’invisibile
Places
Musei: le grandi aperture del 2019
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Il nuovo store di Camper a Barcellona, firmato da Kengo Kuma

Si trova sul Passeig de Gràcia ed è caratterizzato da un particolare sistema di nicchie composto da elementi ceramici simili alle tegole
Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell

Fruit Exhibition: a Bologna torna la fiera dell'editoria indipendente

La settima edizione della fiera internazionale dedicata all’editoria d’arte indipendente. Da venerdì 1 a domenica 3 febbraio
Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Pierre Charpin: "Il mio modo di lavorare parte dall’intuizione"

Designer, artista, scenografo parigino, con una versatilità creativa che si nutre del disegno e del colore. Negli anni 80 incontra il design italiano e inizia a creare oggetti, senza mai pensare alle mode e alle pubbliche relazioni. Ma soltanto alle forme funzionali
I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

I giovani talenti di Maison&Objet da tenere d’occhio

Dopo l’Italia è la volta della Cina. Ecco i nomi dei Rising Talent dell’edizione invernale della rassegna parigina
Caragh Thuring e l

Caragh Thuring e l'arte del tartan

La Thomas Dane Gallery di Napoli festeggia il suo primo anniversario con una personale dell'artista belga Caragh Thuring, che ha orchestrato una riflessione sui significati del tartan tra Napoli e la Scozia. L'abbiamo intervistata