Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Outdoor Care Reatreas, Snøhetta - Credits: Ph. Ivar Kvaal
Places

Stanze d’ospedale immerse nella natura, in Norvegia

Accoglienti strutture in legno completamente immerse nella natura, a due passi dai più grandi ospedali norvegesi. Il progetto Outdoor Care Retreats di Snøhetta, realizzato su commissione della Fondazione Friluftssykehuset, punta a migliorare la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie offrendo una pausa fisica e psicologica da regimi di trattamento rigorosi e dall'isolamento che spesso segue la degenza a lungo termine.

Il primo esempio di Outdoor Care Retreat è ubicato poco distante dal più grande ospedale norvegese, il Polo universitario di Oslo Rikshospitalet, a soli cento metri dalla struttura. Un secondo rifugio si trova nel bosco di latifoglie dell'ospedale Sørlandet Kristiansand, nel sud della Norvegia, tra querce e betulle. Sviluppato in collaborazione con il Dipartimento di Psicosomatica e CL-Child Psychiatry dell'Ospedale universitario di Oslo, Outdoor Care Retreat concede uno spazio sereno e riparato, puntando sui benefici terapeutici che la natura offre.

«La natura offre uno scenario di gioia spontanea e aiuta i pazienti a rilassarsi: stare in un ambiente naturale porta loro una rinnovata calma, che perdura anche una volta tornati in ospedale. In questo senso Outdoor Care Retreat aiuta a motivare i pazienti ad affrontare le cure e contribuisce a migliorare la gestione della malattia», ha dichiarato la psicologa infantile Maren Østvold Lindheim dell'ospedale universitario di Oslo.

Ogni unità si sviluppa su 35 metri quadri ed è caratterizzata da una struttura in legno asimmetrica e luminosa, facilmente accessibile anche dai pazienti in sedia a rotelle. Tutti gli ingressi sono concepiti in modo da consentire agevolmente l’accesso dei letti d’ospedale. Gli interni sono dominati da un rivestimento in legno di rovere, che richiama l’ambiente circostante, e comprendono una stanza principale, una stanza più piccola per la conversazione e il trattamento e un bagno. Tutte le cabine sono provviste di un’ampia finestra vetrata che mette in dialogo il rifugio con l’esterno e consente ai pazienti di osservare, ascoltare e apprezzare suoni e profumi della natura.