Credits: La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: Interno de La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: Interno de La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: Interno de La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Credits: Interno de La Cité de la musique et de la danse di Soissons, Francia (© Antonio Martinelli)
Places

A Soissons, un conservatorio che pare un’abbazia

Laura Barsottini

Si trova a Soissons, in Francia, un nuovo progetto appena inaugurato ad opera degli architetti Henri e Bruno Gaudin: si tratta della Cité de la musique et de la dance e nasce da un concorso di progettazione indetto dall'amministrazione cittadina per creare, soprattutto, un luogo capace di favorire lo scambio culturale tra le diverse discipline artistiche. Soissons è una delle più antiche città della Francia, collocata nella regione della Piccardia, dipartimento di Aisne, e vede la presenza della superba abbazia gotica di Saint-Jean-des-Vignes, fondata nel 1076, alla quale i Gaudin si sono ispirati per il loror progetto.

La richiesta era di ampliare l'antico conservatorio costruendo una grande attrezzatura destinata agli abitanti del territorio ma anche all'intero dipartimento di Aisne. Gli architetti si sono voluti mantenere fedeli all'antica abbazia, estendendo il nuovo edificio su un asse Est-Ovest in linea con l'edificio religioso e includendo una navata centrale, la cui parte superiore include archi, donando a tutto il complesso una spinta verso l'alto tipica dello stile gotico. leggerezza acuita dal contrasto con la base dell'edificio moderno, denso e compatto.

Dedicata all'insegnamento della musica ma anche della danza e della recitazione, la Cité comprende un auditorium di 500 posti, un anfiteatro di 120, un'orchestra hall, una sala per l'organo e un centro di documentazione.

Storytelling
Ispirazione giapponese: 4 progetti tra rigore e armonia
News
Designer, architetti e illustratori ritraggono l'Expo en plein air
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”