Credits: Spazio 900
Credits: Spazio 900
Credits: Spazio 900
Credits: Spazio 900
Credits: Spazio 900
Credits: Spazio 900
Places

Spazio 900, punto di riferimento per il modernariato

Alessandro Mitola

A Milano, per l’esattezza in viale Campania a 51, c’è un luogo fuori dal tempo che accoglie pezzi di modernariato, design italiano e internazionale.

Si chiama Spazio 900 e annovera oltre 5mila pezzi a catalogo, tra mobili, accessori e complementi d’arredo che coprono un arco temporale che va dal 1950 al 1980. Tutti rigorosamente firmati da designer di primo punto.

Ron Arad, Achille Castiglioni, Joe Colombo, Tom Dixon, Charles Eames, Arne Jacobsen, Enzo Mari, Alessandro Mendini, Bruno Munari, Verner Panton ed Ettore Sottsass sono solo alcuni dei nomi che animano lo showroom.

Tutto comincia nel 1993, quando Enza De Iuliis e Adriano Albini, spinti da una grande passione per il moderniariato, decidono di aprire Le cose del 900, un piccolo negozio in via Fiamma specializzato in oggetti di design appartenenti al periodo che va dal 1930 al 1960. Un progetto che nel corso degli anni si amplia e raddoppia in Corso Garibaldi con Spazio 900 Gallery.

Nei primi mesi del 1999, i locali industriali di un capannone in viale Campania vengono trasformati nell’unica sede di Spazio 900, immancabile indirizzo per collezionisti e luogo di incontro per tutti gli appassionati di modernariato.

Oggi, con 20 anni di esperienza alle spalle, Spazio 900 cambia look per valorizzare la sua collezione, aggiungendo colore e un nuovo setting per i suoi oggetti più importanti. Ma soprattutto decide di abbattere le barriere fisiche lanciando un e-commerce, dove è possibile acquistare complementi, oggettistica e rarità dal mondo design.

Milano Design Week
Gervasoni, le anteprime del Salone del Mobile 2016
Products
Poliform, la collezione Mad disegnata da Marcel Wanders
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”