Lo Stadio Vélodrome di Marsiglia - Credits: Wikimedia - Taiyo Europe
Places

Gli stadi di calcio più belli d’Europa

Gli stadi di calcio sono molto spesso opere complesse, strutture imponenti e che colpiscono per bellezza e forme. 

Solo gli amanti del calcio capiranno quanto è importante questo preciso momento dell'anno: l'inizio dei campionati coincide esattamente con la fine dell'estate e la corsa per la vittoria del titolo si concluderà tra meno di un anno. 

Basta compiere un breve giro virtuale per rendersi conto di come l'Europa sia piena di queste strutture mastodontiche, frutto del genio dell'ingegneria e dell'architettura: Romania, Polonia, Portogallo, Italia, Irlanda, Francia ospitano impianti in grado amalgamarsi con il territorio o, al contrario, spiccare in maniera forte e decisa. 

Approfittiamo dell'inizio dei campionati, dunque, per presentarvi una selezione dei nostri dieci stadi di calcio europei preferiti. 

Una galleria tutta da sfogliare, in grado di far conciliare il tifoso più accanito e l'architetto più curioso.  

Lo Stade Louis II di Monaco non è tra gli stadi più caldi d'Europa per tifo e per grandezza - ospita poco meno di 20000 posti - ma la location mozzafiato lascia senza parole. - Credits: Wikimedia - JoJan
L'Olympiastadion di Monaco di Baviera fu costruito per essere pronto per la XX edizione dei giochi olimpici. Colpisce per forma il tetto, che lascia scoperto il campo da gioco, protetto dalle condizioni avverse della neve tramite una rete di 18 chilometri di tubi sotterranei che riscaldano il prato. - Credits: Wikimedia - btr
La più grande struttura emisferica al mondo. L'Ericsson Globe non è propriamente uno stadio da calcio, ma ospita campionati di futsàl (calcio a 5). Con 110 metri di diametro e oltre 80 metri di altezza l'Ericsson Globe è una delle strutture sportive più belle della Svezia. - Credits: Wikimedia - Josve05a
Una delle opere più famose del suo genere. L'Allianz Arena di Monaco è visibile per chilometri grazie alla particolare illuminazione scenografica della superficie. - Credits: Flickr - Richard Bartz
L'Aviva Stadium di Dublino, salta all'occhio per le forme futuristiche, in netto contrasto con l'ambiente circostante. Le curve non sono un semplice vezzo estetico: consentono di non privare le abitazioni circostanti della luce del sole - Credits: Wikimedia - Rennett-Stowe
Lo Juventus Stadium è il primo esempio italiano di stadio di proprietà. Lasciandosi alle spalle il Delle Alpi, il nuovo stadio dell'omonima squadra torinese ha una capienza di quasi 50000 persone e rappresenta il simbolo architettonico della Torino contemporanea. - Credits: Flickr - I.conti
Costruito per rimpiazzare il vecchio stadio del Sunderland - Roker Park - lo Stadium of Light dista pochi chilometri dal suo compagno più vecchio. Indubbiamente uno degli stadi inglesi più rappresentativi per atmosfera e struttura. - Credits: Wikimedia - Mrs-Logic
Lo stadio municipale di Braga è opera dell'architetto Eduardo Souto de Moura. Traendo ispirazione dai ponti inca sudamericani, le corde di metallo collegano visivamente i due lati dello stadio.
Lo Stadion Narodowy di Varsavia è uno degli impianti più interessanti presenti in Polonia. Spicca per i colori della bandiera polacca posti lungo la superficie esterna e per il tetto richiudibile in soli 20 minuti. - Credits: Wikimedia - Przemysław-Jahr
Il bellissimo Velodrome di Marsiglia ha subito alcune variazioni con il passare del tempo. Grazie al lavoro dello studio parigino SCAU, ora è munito di una copertura al di sotto della quale 67000 tifosi possono ripararsi. E' il simbolo del rilancio culturale di quel preciso punto della città. - Credits: Challengeputeaux/Wikimedia Commons
Products
Geberit: tecnologia e design a servizio dell'igiene
News
Icon Design di settembre è in edicola
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento