L'Allianz Riviera Stadium di Nizza - Credits: Laurence Griffiths/Getty Images
Places

I cinque stadi più belli di Euro 2016

Ci siamo. Euro 2016la 15esima edizione del Campionato Europeo di calcio, è iniziata.

Come da tradizione la febbre del tifo sale anche per coloro che sono solitamente lontani dai campi di calcio e da eventi comuni come il classico campionato annuale.

Euro 2016: un'ottica di design

Parlando degli stadi, tralasciando il panorama italiano che offre strutture ancora molto lontane da quelle presenti altrove, all’estero gli appassionati possono godere di complessi migliori, meglio organizzati e soprattutto architettonicamente rilevanti.

Gli stadi non nascono solo con il mero scopo di ospitare eventi sportivi, ma anche riqualificare socialmente ed economicamente alcune zone della città.

In occasione di Euro 2016, abbiamo selezionato cinque stadi francesi che ospiteranno la competizione e che riassuomono poche ma fondamentali caratteristiche: funzionalità, estetica e acuta progettazione. 

Il Parc de Princes è uno dei due stadi di Parigi. Casa del Paris Saint German è stato disegnato dall'architetto Roger Taillibert e, nonostante l'apertura nel 1972, possiede una linea delicata e contemporanea. - Credits: LOIC VENANCE/AFP/Getty Images
Il bellissimo Velodrome di Marsiglia ha subito alcune variazioni con il passare del tempo. Grazie al lavoro dello studio parigino SCAU, ora è munito di una copertura al di sotto della quale 67000 tifosi possono ripararsi. E' il simbolo del rilancio culturale di quel preciso punto della città. - Credits: Challengeputeaux/Wikimedia Commons
L'Allianz Riviera Stadium di Nizza è uno stadio di ultima generazione e di recentissima costruzione che ha preso il posto del ben più datato Stade Municipal du Ray. Progettato da Jean-Michel Wilmotte dello studio Wilmotte & Associés SA, appare come una struttura in legno dalla facciata trasparente. L'impianto si autoalimenta attraverso il sistema di pannelli fotovoltaici posti sul tetto. - Credits: Laurence Griffiths/Getty Images
Il Nouveau Stade di Bordeaux è un altro degli stadi di recentissima apertura. Progettato dallo studio svizzero Herzog & de Meuron - già autori del Bird Nest di Pechino - appare come una struttura rettangolare sorretta da centinaia di colonne bianche. - Credits: Robert Grahn/AFP/Getty Images
Lo Stade des Lumieres a Lione è l'ultimo stadio ultimato in Francia. Grazie alla propria forma che consente la protezione dei tifosi dalle intemperie è stato progettato per amplificare i suoni provenienti dall'interno. Disegnato dallo studio Populous, è la nuovissima casa dell'Olympique Lyonnais. - Credits: Jeff Pachoud/AFP/Getty Images
News
Switch House: la nuova ala della Tate Modern di Londra
Places
Le Summer Houses della Serpentine Gallery di Londra
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”