Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Places

Lo studio di Lino Tagliapietra a Seattle

Ha fatto conoscere la tradizione vetraria muranese in tutto il mondo, dagli Stati Uniti all'Australia fino alla Cina e al Giappone. Nato nel 1934 a Murano, Lino Tagliapietra è uno degli interpreti più visionari dell'arte del vetro. Un approccio progettuale, il suo, che ha sempre travalicato i confini di artigianato, design e arte per fonderli in un linguaggio espressivo personale e spontaneo. Talmente spontaneo da lasciare che tutto accadesse direttamente davanti alla fornace, là dove il soffio del vetro determina forme, trame e colori.

Dopo un periodo di apprendistato dal grande maestro Archimede Seguso, collaborò con le più grandi aziende vetrarie italiane come Vetreria Galliano Ferro, Venini & C., La Murrina, Effetre International. Fa strano pensare che la sua prima personale si tenne soltanto nel 1990 non a Venezia, come verrebbe naturale pensare, bensì a Seattle. La sua città natale gli dedicò una retrospettiva più di vent'anni dopo, nel 2011, con Lino Tagliapietra, da Murano a Studio Glass all'Istituto di Scienze, Lettere e Arti. A farlo avvicinare agli Stati Uniti fu il suo grande amico e collega Dale Chihuly, scultore del vetro, conosciuto nel 1968. Da allora, Lino iniziò a girare il mondo, fino a stabilirsi a Seattle nel 1979.

Proprio qui, nel quartiere di Belltown, ha fondato il suo studio-galleria, recentemente ridisegnato dalla Graham Baba Architects. Nello storico edificio del 1917 in mattoni rossi, un tempo casa d'aste, è stato creato uno spazio arioso dominato dai colori freddi – a partire dal bianco del pavimento in rovere – per creare contrasto con l'universo colorato delle opere di Tagliapietra. Su di loro, domina un monitor luminoso a cui è stata appesa un'Installazione Volante composta da piccole gondole e uccelli (quelli che volano su Murano). Un omaggio alla sua Venezia e all'intreccio di tradizione e inventiva che caratterizza l'arte vetraria di Murano. Gli spazi accolgono anche alcuni uffici, una cucina e un magazzino. Uno spazio moderno ed essenziale, costellato però di rimandi alla cultura d'origine dell'artista.

Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
Lino Tagliapietra Seattle Glass Studio - Credits: Foto: Benjamin Beschneider
News
Milano Aperta, parte seconda

News
Stefano Boeri è il nuovo presidente della Triennale di Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi