Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Credits: Photo Federico Villa studio
Places

Studio wok e l’arte di vivere in meno di 70 mq a Milano

La tipologia alla quale appartiene l'appartamento in cui ha recemente operato studio wok è abbastanza comune ed estremamente sfidante: metratura ridotta, impianto planimetrico non privo di qualche rigidità, due (principali, ma non uniche) fonti di ingresso per la luce naturale e l'aria collocate su fronti opposti. La ristrutturazione, messa a punto per una giovane creativa, non abdica di fronte ai vincoli dello stato di fatto e persegue un calibrato recupero dell'identità dell'immobile, senza ridurrre lo slancio dell'intervento.

Eliminato il controsoffitto esistente, le travi lignee originali tornano a mostrarsi in una versione bianca e minimale. Al di sotto di questa ritrovata candida copertura, i progettisti mantengono inalterata la collocazione centrale del blocco formato da ingresso e dal bagno, completamente rinnovato. Alle due estremità dell'appartamento posizionano la zona notte, dotata di cabina armadio interna e dell'unico accesso al ballatoio, e l'area living.

In quest'ultima, in particolare, la demolizione del tramezzo esistente genera un ambiente ampio e armonioso, nel quale si inserisce con equilibrio la struttura metallica con vetro stampato che separa la zona giorno dalla cucina. Si tratta di un riuscito esempio di 'filtro non filtro', un dispositivo interno che, oltre a evocare le porte a vetri di inizio Novecento, genera trasparenti vibrazioni. In altre parole, agisce da attrattore visivo, di giorno e di notte, più che da severo divisorio. Tra i materiali, da segnalare l'adozione del parquet in associazione alle cementine. Progettata su misura, la cucina è in Fenix, colore verde commodoro; ad impreziosirla, contribuendo alla dinamica generata da luce e trasparenze, il piano di lavoro in marmo di Carrara.