Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
L’installazione interattiva “Being Here” realizzata da DEM inc con TeamLab per la hall della sede di Taipei della Banca CTBC. Foto Lorenzo Perucci - Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Credits: Ph. Lorenzo Perucci
Places

Il digitale più che realistico, reale

Milano Design Film Festival

Being Here è un’installazione immersiva e interattiva, progettata dallo studio di Taipei DEM inc. per la sede della banca CTBC a Taipei, Taiwan. Posta nella hall vuole, da un lato, ovviare all’aspetto “cavernoso” dello spazio riempiendo la stanza con immagini di spazi all’aperto, dall’altro, proporre un’esperienza reale e realistica del digitale, non in realtà virtuale.

L’installazione è formata da sette aree con trentasei schermi, verticali e orizzontali, per un totale di 35 milioni di pixel e oltre 300 metri quadrati di superficie. Tale mole di dati, che comprende centinaia di teraflop di calcoli, si traduce in un messaggio di pura leggerezza, quiete e calma. Non si tratta di immagini e suoni che riproducono contesti naturali, ma di una sovrapposizione di animazioni in acquerello, curate dal collettivo giapponese TeamLab, che richiamano gli stili e i simboli classici dell’est e dell’ovest dell’estremo Oriente. E di un raffinato un gioco di luci che lega la successione di immagini animate.

Più nel dettaglio. Animali e suoni tipici di Taiwan incontrano i dodici animali zodiaco cinese. Si animano sugli schermi rispondendo alla presenza dei visitatori e andandogli incontro. Ogni mese gli animali cambiano la loro posizione, così come le piante si evolvono con le stagioni. Anche il trascorrere del tempo è raffigurato: alba, tramonto, il cielo notturno e il cambiare delle condizioni metereologiche. La possibilità di variazione rende l’esperienza di chi passa, e ritorna, sempre diversa. Tante sono le variabili interpretate dagli algoritmi del digitale che l’installazione è capace di rendere la “casualità organizzata” della Natura.

L’opera è una risposta al sempre crescente divario tra vita reale e digitale. È un’immersione nella meraviglia del mondo – un mondo però sintetico – che può aiutare ad apprezzare di più quello reale e corporeo. Puntando sulla presenza sensoriale del visitatore. Qui e ora.

Places
Le geometrie futuriste dell’artista GUE
News
Arena di Verona: il progetto per la copertura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Gallotti&Radice a Milano

Gallotti&Radice a Milano

L’azienda di Cermenate ha aperto le porte del suo nuovo flagship store, nel cuore di Durini Design District
Typologie è una nuova rivista di design

Typologie è una nuova rivista di design

Sono storie di ordinaria bellezza quelle raccolte nelle pagine di Typologie, un nuovo progetto editoriale che omaggia gli oggetti di uso quotidiano
Regali di Natale 2018: le idee dal mondo hi tech

Regali di Natale 2018: le idee dal mondo hi tech

Oggetti utili, anzi utilissimi. Ma anche dal design elegante e avveniristico. Ecco alcuni regali tecnologici da fare questo Natale. Dedicati ai più smart, ma anche a chi ha bisogno di soluzioni pratiche
PhotoVogue Festival: 10 creativi si confrontano sul tema dell’immigrazione

PhotoVogue Festival: 10 creativi si confrontano sul tema dell’immigrazione

Tra arte, musica, moda, design, comunicazione e alta cucina. Ce ne parlano Micaela Flenda e Pelin Sozeri, curatrici del progetto
Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Bike Rome: esplorare la mobilità su due ruote

Un progetto di tesi realizzato dagli studenti di IED Roma che mette insieme design e sostenibilità