Il Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Joel Rookwood
L'ingresso del Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Sophia Arabidz
Il Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Stian Kvil
Massimiliando e Doriana Fuksas - Credits: Fuksas, ph. by Fabio Lovino.
Il Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Nikolay Kaloshin
Un particolare del Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Nikolay Kaloshin
L'ingresso del Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas, ph. by Nikolay Kaloshin
Un'immagine dall'alto del Music Theatre and Exhibition Hall - Credits: Fuksas
Places

A Tbilisi, il Teatro e Centro Espositivo dello studio Fuksas

Un gigantesco periscopio da cui osservare la città che cambia: a Tbilisi, in Georgia, sta per nascere una nuova opera dello studio Fuksas, il Teatro e Centro Espositivo di Rhike Park.

Il progetto si inserisce nel piano di riqualificazione della capitale georgiana, negli ultimi anni al centro di numerosi interventi di rinnovamento urbano.

Ne è esempio un altro lavoro realizzato da Massimiliano e Doriana Fuksas, il Public Service Hall, struttura a sbalzo composta da 11 “petali” che racchiudono gli uffici statali, tra cui la Banca Nazionale di Georgia e il Ministero dell'Energia.

Non lontano da quest'ultimo, nella zona verde del Rhike Park, sorge il nuovo Auditorium e Teatro. I suoi volumi lo fanno assomigliare a un enorme cannocchiale, che posto in posizione privilegiata offre un punto di osservazione sulle trasformazioni della città.

Composto da due elementi uniti da un muro di contenimento, il complesso ospita l'Auditorium e il Centro Espositivo. All'interno del primo, capace di contenere 566 posti, si trovano il foyer, la caffetteria, i servizi, i locali tecnici e il deposito.

All'Auditorium si accede attraverso il Centro Espositivo e alla sua rampa di scale posta a livello della strada. L'Auditorium, situato a un livello più alto rispetto al Centro Espositivo, offre un'ampia vista sul fiume e sul centro storico di Tbilisi attraverso una vetrata panoramica.

Realizzato in cemento armato e rivestito con pannelli in acciaio inox, il Teatro e Centro Espositivo di Rhike Park contribuisce a ridefinire il profilo di Tbilisi, sempre più orientata verso la contemporaneità.

Places
Alberghi diffusi: un nuovo modo di vivere la vacanza
News
Le Corbusier nel patrimonio UNESCO con 17 edifici
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”