La mostra Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
Places

Nuovi spazi di incontro: il Circolo del Design di Torino

Uno spazio dove far incontrare idee, persone e professionalità diverse, dove lanciare riflessioni sul ruolo del design oppure dove semplicemente ritrovarsi. Con un obiettivo: creare una cultura condivisa sul design. A Torino apre il Circolo del Design, un luogo multifunzionale che ospiterà mostre, workshop, conferenze e momenti di incontro sui temi della contemporaneità.

Dopo tre anni di incubazione e una sede temporanea presso gli spazi della Camera di Commercio di Torino, oggi il Circolo del Design si è trasferito all'interno del Palazzo Costa Carrù della Trinità in via San Francesco da Paola 17, complice il restauro della antiche scuderie, ora trasformate in spazio espositivo. Direttrice del Circolo è Sara Fortunati, già fondatrice nel 2011 di Operae. Independent design fair, che racconta: «Attraverso un fitto programma di eventi e mostre, il Circolo vuole diffondere la cultura del progetto, costruendo ponti e dialogando con discipline apparentemente distanti dal design. Nel farlo, produrremo contenuti inediti e daremo voce al territorio, lavorando con le scuole, università, istituzioni e soggetti privati».

A inaugurare il Circolo è la mostra Atlante Immateriale (fino al 18 maggio), a cura di Matteo Milaneschi e Achille Filipponi. Fulcro dell'esposizione è il dialogo tra artigianato e design: un saper fare, quello degli artigiani, che è la base fondante del design contemporaneo. «Mi sembrava il tema giusto con cui partire», racconta Sara Fortunati. «Vogliamo raccontare il territorio mettendolo in dialogo con il design contemporaneo, e il sapere degli artigiani è l'ancora dei designer». Ribaltando il paradigma espositivo che prevede l'esposizione del manufatto a discapito del processo di ideazione e realizzazione, Atlante Immateriale restituisce la “semplicità complessa” del lavoro dell'artigiano mettendo in scena 47 tra materie prime insieme ad attrezzature tradizionali e manufatti “non finiti”. Il rituale di produzione dei manufatti viene così seguito passo per passo, rintracciando le origini delle sinergie tra artigianato e design. Attraverso una mappatura fotografica, poi, viene raccontato il sapere immateriale degli artigiani piemontesi protagonisti della mostra, mentre le loro storie sono restituite attraverso una serie di video interviste. Protagonista dell'esposizione è poi Toeletta, l’opera inedita realizzata appositamente per Atlante Immateriale dalla designer Sara Ricciardi insieme all’artigiano Simone Desirò. Primo pezzo della collezione Curvy Marble, è realizzata con la tecnica di lavorazione del marmo artificiale di Rima di cui Desirò è un esperto interprete.

Accanto alle mostre temporanee poi, il Circolo ospiterà un calendario di eventi, talk e workshop che coinvolgerà alcuni rappresentanti della creatività e dell'industria piemontese, ma non solo. A partecipare, infatti, saranno anche personalità distanti dal mondo del design, offrendo così dibattiti interdisciplinari e trasversali, che arricchiscono la cultura del design di nuove prospettive. «Un modo per offrire linfa vitale ai designer», spiega Sara Fortunati. Cuore del programma di incontri saranno i Mercoledì del Design, che coinvolgeranno professionisti del mondo del design come Odoardo Fioravanti, Anna Ferrino, Antonio Belloni, Lorenzo Giorgi, Cameranesi/Pompili e Paola Longoni dell'azienda Sambonet. A completare lo spazio è poi La Biblioteca del Design, dove è possibile consultare una collezione di volumi dedicati al design, e lo shop NOS, Not (an) Ordinary Store, che offre una selezione di prodotti di design sul modello dei negozi museali.

Il Circolo del Design è un progetto nato grazie al supporto di Compagnia di San Paolo, Camera di commercio di Torino e Regione Piemonte.

L'ingresso del Circolo del Design - Credits: Foto: Andrea Macchia
Il Circolo del Design - Credits: Foto: Andrea Macchia
La Biblioteca del Design - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia
L'esposizione Atlante Immateriale - Credits: Foto: Andrea Macchia