Maisie, New York - Credits: Ph. Roderick Aichinger
Maisie, New York - Credits: Roderick Aichinger
Maisie, New York - Credits: Ph. Ball and Albanese
Eleanor, New York - Credits: Ph. Ball and Albanese
Eleanor, New York - Credits: Ph. Roderick Aichinger
Isidore, New York - Credits: Ph. Ball and Albanese
Isidore, New York - Credits: Ph. Ball and Albanese
Clara, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Clara, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Clara, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Lorraine, Boston - Credits: Ph. Kataram Studios
Lorraine, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Lorraine, Boston - Credits: Kataram Studios
Credits: Ph. The Bearwalk
Ovida, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Ovida, Boston - Credits: Ph. The Bearwalk
Places

Getaway: un piccolo paradiso in mezzo al bosco

Per la serie vacanze alternative, un gruppo di studenti americani ha dato vita a una startup che consente di noleggiare piccole case mobili in location mozzafiato lontane dalla città.

Si chiama Getaway e nasce da Millennial Housing Lab, un progetto della Harvard Innovation Lab fondato da Jon Staff, studente della Harvard Business School, e Pete Davis, studente della Harvard Law School.

La particolarità? Dunque la destinazione resta un’incognita fino all’ultimo. Le coordinate stradali per raggiungere la casa mobile vengono comunicate tramite una email solitamente 48 o 24 ore prima del soggiorno. Perché l'avventura è parte dello spirito del progetto e contribuisce a godere della fuga.

Tutte le cabine, al momento 7, sono ubicate in contesti rurali a circa 2 ore di auto da New York e Boston, e vengono spostate di volta in volta dagli organizzatori di Getaway.

Spazi rustici e curati, ma senza fronzoli. Grandi poco più di uno scuolabus. Possono accogliere fino a 4 persone e sono equipaggiati con tutto il necessario per il pernottamento: letti, lenzuala, doccia, asciugamani, piano cottura, legna da ardere, scorte di cibo e barbecue. Ma, cosa più importante, concedono di ritagliarsi uno spazio lontano dal caos urbano quotidiano.

«Con Getaway sei ad un clic di distanza da un breve soggiorno nella tua piccola casa privata nel bosco, abbastanza vicina per fuggire via in un attimo ma abbastanza lontana per garantirti una pausa rinfrescante», annuncia un claim nel sito del progetto.

E se la pausa estiva è sempre più corta, magari organizzata all’ultimo minuto, sperimentare nuove modalità di viaggio può essere un buon modo per riprendere le energie.

Places
L'arte sulle spiagge di New York: il progetto di Katharina Grosse
News
La nuova era di Airbnb?
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”