Gli interni del rinnovato Watergate Hotel portano la firma del designer israeliano Ron Arad - Credits: The Watergate Hotel
La ristrutturazione è avvenuta per opera della società Euro Capital, per un totale di 125 milioni di dollari - Credits: The Watergate Hotel
L'hotel ha aperto i battenti per la prima volta il 30 marzo del 1967 su progetto dell'architetto italiano di Luigi Moretti - Credits: The Watergate Hotel
Watergate Hotel conta oggi 336 guest room - Credits: The Watergate Hotel
Un dettaglio del bagno di una guest room - Credits: The Watergate Hotel
Le uniformi dello staff sono disegnate da Janie Bryant, costumista della pluripremiata serie tv Mad Men - Credits: The Watergate Hotel
Places

Il leggendario Watergate Hotel di Washington riapre i battenti

La notizia è ufficiale: riapre i battenti il Watergate Hotel. Da questa estate, l’albergo passato alla storia per lo scandalo politico americano più famoso di sempre sarà nuovamente fruibile al pubblico.

Dapprima la stampa internazionale e poi il celebre film Tutti gli uomini del presidente diretto da Alan J. Pakula hanno impresso nella memoria collettiva i fatti che portarono nel 1972 alle dimissioni dell’allora presidente Richard Nixon.

Teatro dello scandalo fu il Watergate Hotel, struttura alberghiera con sede a Washington D.C. dove erano situati gli uffici del Comitato Nazionale Democratico.

Quello che non tutti sanno, invece, è che la costruzione dell’hotel fu affidata negli anni Sessanta a una società italiana, la Generale Immobiliare, su progetto di Luigi Moretti, uno dei più importanti architetti del XX secolo.

Aperto al pubblico il 30 marzo del 1967, Watergate Hotel è passato di mano in mano fra diversi proprietari per poi scivolare verso il declino economico a causa di problemi di finanziari, con la conseguente chiusura nel 2007.

Oggi riapre le sue porte al pubblico a fronte di una ristrutturazione da 125 milioni di dollari per opera della società Euro Capital, proprietaria dell'immobile dal 2010. L'intervento mantiene intatta l’identità architettonica dell’edificio, mentre vede una trasformazione degli interni a cura del designer israeliano Ron Arad. Una curiosità: le uniformi dello staff sono state disegnate ad hoc da Janie Bryant, costumista della pluripremiata serie tv Mad Men.

Ad oggi Watergate Hotel conta 336 guest room, di cui 24 premiere suite, sei diplomat suite e due presidential suite.

Storytelling
Il videoclip di Up&Up dei Coldplay
Storytelling
10 musei di design da seguire su Instagram
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento