Credits: Sequel Wall-Mounted Desk 6004, lo scrittoio da parete disegnato da Matthew Weatherly per BDI
Credits: Ad Hoc Executive, lo scrittoio disegnato da Antonio Citterio per Vitra
Credits: Arne, lo scrittoio disegnato da Antonio Citterio per B&B Italia
Credits: Calamo, lo scrittoio disegnato da Gabriele Rosa per Zanotta
Credits: HUB, lo scrittoio modulare disegnato da Matteo Ragni per Fantoni
Products

5 scrittoi elegati e funzionali

Laura Barsottini

Spazio di lavoro, ma anche luogo dove nascono gli stimoli creativi. Lo scrittoio racchiude un mondo fatto di oggetti che alimentano l’ispirazione. Ne abbiamo selezionati 5.

Lo scrittoio Arne, disegnato da Antonio Citterio per B&B Italia, avvolge la seduta creando un'atmosfera rilassante e conviviale. Si adatta bene alle esigenze della stanza, con la possibilità di essere collocato al centro oppure accostato al muro. È uno scrittoio composto da una libreria verticale, una cubica e un contenitore orizzontale, combinabili a tavolini di lavoro che, grazie a un perno, ruotano dando vita a linee morbide e pulite. Il piano orizzontale è realizzato con pannello in multistrato di legno, melaminizzato goffrato grigio scuro, impiallacciato rovere.

Hub è uno scrittoio modulare progettato dal designer Matteo Ragni per Fantoni. Il progetto nasce con lo scopo di favorire la condivisione e lo scambio di idee, e al contempo per dar vita a un luogo di riflessione e lavoro individuale. Un piccolo loft costituito da un ampio tavolo con struttura a baldacchino, una postazione multifunzionale come punto di partenza per nuove storie.

Ad Hoc Executive è uno scrittoio direzionale da ufficio progettato da Antonio Citterio per l’azienda svizzera Vitra. Moderno e funzionale, è caratterizzato da una leggera struttura composta da un’ampia scrivania e tre diverse cassettiere, dove riporre oggetti o documenti. I materiali utilizzati, alluminio, legno e pelle, sono combinati con cura e rifiniti nei minimi dettagli.

Progettato da Gabriele Rosa per Zanotta, Calamo è uno scrittoio equipaggiato con vano portaoggetti accessibile mediante apertura a ribalta. È un complemento essenziale e funzionale con struttura e piano d’appoggio realizzati in acciaio verniciato, portaoggetti rifinito con cuoio pigmentato. Dettagli materici che riscaldano la personalità dello scrittoio, rendendolo un complemento ideale per l’ambiente domestico.

Lo scrittoio Sequel Wall-Mounted Desk 6004, disegnato da Matthew Weatherly per BDI, nasce per arredare anche gli spazi più piccoli. È una soluzione funzionale per ricreare un ambiente lavorativo all’interno delle mura domestiche: è infatti comodamente fissabile alla parete all’altezza desiderata. Il cassetto a scomparsa mostra tutta l’intelligenza progettuale volta alla funzionalità. Ne è un esempio anche il pannello in legno nella parte inferiore per nascondere antiestetici cavi e prese di corrente.

News
Design for Nepal: vendita di beneficenza per i terremotati
Products
4 piani lavabo contemporanei, tra eleganza e funzionalità
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto