Products

Tecnologia e design: 6 accessori per smartphone da non perdere

Alessandro Mitola

L’universo degli accessori per smartphone si fa sempre più ricco e variegato, sarà per l’urgenza di personalizzare il proprio dispositivo ma anche di affiancargli elementi sempre nuovi e ingegnosi, capaci di sfruttarne a pieno il potenziale.

Non solo cover, si spazia dal cavetto ultraresistente a quello con sistema di ancoraggio incorporato, fino ad arrivare alle batterie portatili per concedere qualche ora di vita in più al dispositivo e gli auricolari Bluetooth, per dire (finalmente) addio alle matasse di cavi aggrovigliati.

Per non farvi cogliere impreparati, abbiamo selezionato sei accessori ad alto tasso di tecnologia che vi renderanno la vita un po’ più semplice, senza rinunciare all'estetica.

Gli auricolari Bluetooth 

H5 di BeoPlay è un set di auricolari in-ear dotati di connettività Bluetooth 4.2, segnato da un design essenziale ed elegante. Pesano appena 18 grammi e sono progettati per resistere a spruzzi e polvere. Concedono cinque ore di musica non stop, mentre per la fase di ricarica sono necessarie circa due ore. Con microfono per chiamate integrato.

Il vassoio con sistema di ricarica a induzione

Anche in casa è possibile godere di piccole migliorie tecnologiche quando si tratta di ricaricare il proprio smartphone. Ne è un esempio la collezione Charge Tray progetatta dal designer inglese Benjamin Hubert per Bitossi Ceramiche: una serie di vassoi dal design minimale, che cela un intelligente sistema di ricarica a induzione.

Il cavo Anchor di Native Union 

Addio ai cavi che cascano ripetutamente dal tavolo. Sì perché il nuovo cavo di ricarica prodotto da Native Union, sfrutta un peso per rimanere sempre al suo posto: una forma geometrica in silicone, da posizionare a piacere lungo tutta la lunghezza. La struttura, disponibile due colorazione, è rinforzata in Kevlar per garantirne la durabilità.

Il cavo ultraresistente di Nomad

È la soluzione ideale per chi si trova a dover cambia il cavetto di ricarica due o tre volte all’anno, causa rottura.  Ecco che il brand americano Nomad arriva in vostro soccorso con un prodotto pensato per dispositivi Android e Apple. Si tratta di un cavetto lungo 1.5 metri, costruito con un materiale speciale in grado di resistere alle sollecitazioni più estreme, garantendo resistenza e durata nel tempo.

La batteria portatile di design 

Di batterie portatili ce n’è per tutti i gusti, ma a fare la differenza sono soprattutto le prestazioni, e anche il design. Katerina Kopytina, designer con base a Mosca, ha progettato il caricatore portatile One, bello da vedere e anche funzionale: concederà qualche ora di vita in più al vostro smartphone, con stile.

Il caricabatteria usa e getta

Un caricatore usa getta per smartphone? Opera del designer siriano Hani Douaji. Si chiama Juice ed è pensato per stare comodamente in tasca o in borsa; è compatibile con dispositivi Android e Apple ed è in grado di portare il livello della batteria da 0 al 40%. Finito il suo compito si cestina.

Storytelling
Parola alle periferie
Places
Yu Cun, un ristorante sull'acqua in Cina
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto