Sirius Building, progetto di Tao Gofers - Credits: Ph. Glenn Harper
La University School of Molecular Bioscience and Biochemistry - Credits: Ph. Glenn Harper
Il Kuring-gai College - Credits: Ph. Glenn Harper
L'edificio Bidura Children's Court - Credits: Ph. Glenn Harper
Il grattacielo della Town Hall House, progetto di Anchor Mortlock & Woolley - Credits: Ph. Glenn Harper
Gli uffici del Reader's Digest - Credits: Ph. Glenn Harper
Brutalist Sydney Map, il nuovo titolo della casa editrice britannica Blue Crow Media
La collana di mappe dedicate all'architettura brutalista
Products

L’architettura brutalista di Sydney

«Questa mappa conduce i lettori alla scoperta degli edifici in stile brutalista più audaci e storicamente rilevanti di Sydney, ma non solo. Consente di riscoprire la città da una prospettiva unica, con tutti i suoi paesaggi urbani». Così Glenn Harper, autore e urban designer presso PTW Architects, descrive Brutalist Sydney Map.

La nuova guida edita dalla piccola casa editrice britannica Blue Crow Media celebra l'heritage architettonico brutalista della metropoli australiana. E va ad aggiungersi ai titoli della collana sull'architettura che ad oggi comprende Brutalist Paris Map, Modern Berlin Map, Brutalist Washington Map, Constructivist Moscow Map, Art Deco London Map e Brutalist London Map.

Graficamente impeccabile e curata nei minimi dettagli, la mappa comprende cinquanta esempi di architetture dislocate nel cuore della città e nei sobborghi di Sydney ed è corredata da foto e testi di approfondimento. Spazia dal Sirius Building, progettato da Tao Gofers nel 1978, al grattacielo della Town Hall House, progettato dallo studio Anchor Mortlock & Woolley. Non mancano gli interventi architettonici di autori di primo punto come Harry Seidler  & Associates, Marcel Breuer ed Herbert Beckhard. Ma anche opere minori come la Buhrich House II progettata dal duo Hugh e Eva Buhrich o l’ex quartier generale della CBC Bank per opera di Kerr and Smith.

News
Big Time, il docufilm su Bjarke Ingels
News
Se l'amore (trino) è arte: Jean Cocteau a Villa Noailles
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”