Tre sedute modulari - Moving Tatami
Armadio e cassettiera - Moving Tatami
Chaise longue - Moving Tatami
Panca in legno - Moving Tatami
Specchio e mobiletto - Moving Tatami
Divano - Moving Tatami
Products

Arredi giapponesi: la collezione di José Lévy per Daiken

Reinterpretare in chiave contemporanea un classico della tradizione giapponese. Ci ha pensato José Lévy con la collezione di arredi Moving Tatamis realizzata per Daiken, presentata in occasione di Maison & Objet.

Il designer francese ha dato nuova vita ai tatami, i tradizionali pannelli nipponici in paglia di riso rivestiti di giunco, utilizzati per le pavimentazioni oppure come base d’appoggio per i futon.

Lévy ha progettato una linea di complementi d'arredo - divani, poltrone, panche, sgabelli, tavolini, un armadietto e scaffali – dove il tatami è oggetto di una rilettura che ne ha esteso i confini. 

Il risultato è una collezione moderna e minimalista dove i riferimenti al patrimonio culturale nipponico sono evidenti; gli arredi sono caratterizzati da raffinati contrasti tra il tatami, il legno cerato e la lacca lucida. E per garantire maggiore resistenza, si è servito della carta giapponese wa-shi al posto della paglia.

Quella per il Giappone è una passione di famiglia che risale agli anni Sessanta, anni in cui suo nonno, Anatole, aprì una piccola attività specializzata nella produzione di kimono, hakama e katana. «Mi sono avvicinato alla cultura nipponica ben presto grazie a mio nonno,» racconta il designer francese. «È stato il mio primo contatto con qualcosa di esotico, qualcosa di insolito e allo stesso tempo affascinante».