Tre sedute modulari - Moving Tatami
Armadio e cassettiera - Moving Tatami
Chaise longue - Moving Tatami
Panca in legno - Moving Tatami
Specchio e mobiletto - Moving Tatami
Divano - Moving Tatami
Products

Arredi giapponesi: la collezione di José Lévy per Daiken

Reinterpretare in chiave contemporanea un classico della tradizione giapponese. Ci ha pensato José Lévy con la collezione di arredi Moving Tatamis realizzata per Daiken, presentata in occasione di Maison & Objet.

Il designer francese ha dato nuova vita ai tatami, i tradizionali pannelli nipponici in paglia di riso rivestiti di giunco, utilizzati per le pavimentazioni oppure come base d’appoggio per i futon.

Lévy ha progettato una linea di complementi d'arredo - divani, poltrone, panche, sgabelli, tavolini, un armadietto e scaffali – dove il tatami è oggetto di una rilettura che ne ha esteso i confini. 

Il risultato è una collezione moderna e minimalista dove i riferimenti al patrimonio culturale nipponico sono evidenti; gli arredi sono caratterizzati da raffinati contrasti tra il tatami, il legno cerato e la lacca lucida. E per garantire maggiore resistenza, si è servito della carta giapponese wa-shi al posto della paglia.

Quella per il Giappone è una passione di famiglia che risale agli anni Sessanta, anni in cui suo nonno, Anatole, aprì una piccola attività specializzata nella produzione di kimono, hakama e katana. «Mi sono avvicinato alla cultura nipponica ben presto grazie a mio nonno,» racconta il designer francese. «È stato il mio primo contatto con qualcosa di esotico, qualcosa di insolito e allo stesso tempo affascinante».

News
B&B Italia raddoppia a New York
News
London Design Festival: 5 cose da non perdere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento