Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Products

Astrograph, una penna cosmica

Alessandro Mitola

Astrograph non è una penna standard, ma un gioiellino di ingegneria che nasce da una collaborazione cento per cento elvetica: quella tra la casa di orologeria MB&F e la Maison Caran d’Ache.

«Proiettare i propri sogni di conquista dello spazio grazie a uno strumento di scrittura», questa l’idea di Maximilian Büsser, fondatore di MB&F.

Caran d’Ache ha accolto da subito la sfida: tradurre un’idea tanto poetica quanto difficile dal punto di vista tecnico. Il risultato è un razzetto spaziale che in realtà nasconde al suo interno uno strumento di scrittura altamente sofisticato, una stilografica dotata di perfetta maneggevolezza e massimo comfort.

Astrograph è un oggetto da collezione, che sintetizza i valori comuni cari ai due brand: creatività, rispetto delle tradizioni, qualità irreprensibile e autenticità orgoglisamente Swiss Made. Per la realizzazione ci sono voluti quattro anni, che hanno permesso di raggiungere il risultato desiderato: una penna di design futuristica composta da ben 99 componenti e che al suo interno rivela il suo raffinato beccuccio in oro 18 carati rodiato. 

Il corpo, slanciato e sagomato, è sottolineato da un motivo quadrettato in rilievo, smaltato antracite. La struttura si articola mediante un meccanismo mutuato dai coltelli a serramanico: una leva in miniatura (ovvero la porta d’ingresso al razzo nascosta nell’anello della penna) fa scattare i tre piedi di sostegno. Questi ultimi, così come la scala in miniatura che costeggia il motore propulsore, presentano parti sabbiate, satinate e rodiate.

E ad accompagnare la stilografica ci sono due elementi puramente ludici, una statuetta in miniatura raffigurante un astronauta, rivestita in rodio e magnetizzata, e uno scrigno-espositore che rappresenta la piattaforma di lancio.

Astrograph è realizzata in edizione limitata in tre diverse finiture: lucida, sabbiata o rivestita in rutenio antracite.

Places
Distilleria Nardini: se la grappa incontra l'arte e l'architettura
Storytelling
Marble District: il marmo raccontato da Francesco Luciani
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento