Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Credits: MB&F
Products

Astrograph, una penna cosmica

Alessandro Mitola

Astrograph non è una penna standard, ma un gioiellino di ingegneria che nasce da una collaborazione cento per cento elvetica: quella tra la casa di orologeria MB&F e la Maison Caran d’Ache.

«Proiettare i propri sogni di conquista dello spazio grazie a uno strumento di scrittura», questa l’idea di Maximilian Büsser, fondatore di MB&F.

Caran d’Ache ha accolto da subito la sfida: tradurre un’idea tanto poetica quanto difficile dal punto di vista tecnico. Il risultato è un razzetto spaziale che in realtà nasconde al suo interno uno strumento di scrittura altamente sofisticato, una stilografica dotata di perfetta maneggevolezza e massimo comfort.

Astrograph è un oggetto da collezione, che sintetizza i valori comuni cari ai due brand: creatività, rispetto delle tradizioni, qualità irreprensibile e autenticità orgoglisamente Swiss Made. Per la realizzazione ci sono voluti quattro anni, che hanno permesso di raggiungere il risultato desiderato: una penna di design futuristica composta da ben 99 componenti e che al suo interno rivela il suo raffinato beccuccio in oro 18 carati rodiato. 

Il corpo, slanciato e sagomato, è sottolineato da un motivo quadrettato in rilievo, smaltato antracite. La struttura si articola mediante un meccanismo mutuato dai coltelli a serramanico: una leva in miniatura (ovvero la porta d’ingresso al razzo nascosta nell’anello della penna) fa scattare i tre piedi di sostegno. Questi ultimi, così come la scala in miniatura che costeggia il motore propulsore, presentano parti sabbiate, satinate e rodiate.

E ad accompagnare la stilografica ci sono due elementi puramente ludici, una statuetta in miniatura raffigurante un astronauta, rivestita in rodio e magnetizzata, e uno scrigno-espositore che rappresenta la piattaforma di lancio.

Astrograph è realizzata in edizione limitata in tre diverse finiture: lucida, sabbiata o rivestita in rutenio antracite.

Places
Distilleria Nardini: se la grappa incontra l'arte e l'architettura
Storytelling
Marble District: il marmo raccontato da Francesco Luciani
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto