Products

Building Stories

Comporre colori, texture, icone di design e nuovi progetti per delineare una casa da vivere in ogni suo ambiente. Anche con l’immaginazione.

Dal numero estivo di ICON DESIGN.


ARTWORK: Alexis Christodoulou

SET DESIGN: Leandro Favaloro

COORDINAMENTO: Alessia Pincini

TRADUZIONI Wendy Wheatley

Con Sonia Pravato.

Da sinistra, tavolino Ekero di Staffan Tollgård e Filippo Castellani per Porada; divano Seymour di Rodolfo Dordoni per Minotti; paravento Folding Screen di Eileen Gray per ClassiCon; coppia di tavolini Tebe di Baxter e lampada da tavolo W203 Ilumina di Ilse Crawford per Wästberg. Al centro, opera della serie Void Elements di Marco Covi Photography. Poltrona e poggiapiedi Digamma di Ignazio Gardella per Santa & Cole; lampada da terra Inigo di Trueing; proiettore di luce a soffitto Halo Sky – Architectural Sun di Mandalaki; consolle a muro Void di Guglielmo Poletti per Desalto e vaso Hacker di DWA Design Studio per Manuel Coltri.

Da sinistra, sedie impilabili Gaia di Riflessi; cucina Shape di R&D Poliform per Poliform; lampada da parete Button di Piero Lissoni per Flos. Coppia di sedie Era di David Lopez Quincoces per Living Divani; tavolo Alcor di Antonio Citterio per Maxalto e portafrutta Fruit Bowl No. 11 di Ron Gilad per Danese Milano; seduta PK9 di Poul Kjærholm per Fritz Hansen; tappeto Chaya III di Tai Ping. Lampada a sospensione Mobile Chandelier 14 di Michael Anastassiades. A parete, stampa fotografica di Giulio Ghirardi. A destra, tenda in raso di lino Blazer di Dedar.

Da sinistra: a parete, opera di Claudia Valsells; lampada da terra Captain Flint di Michael Anastassiades per Flos; tavolo Epic di GamFratesi per Gubi e vaso Fazzoletto di Fulvio Bianconi e Paolo Venini per Venini; lampada a sospensione Discus Vine 6 di Jamie Gray per Matter Made. Libreria 606 Universal Shelving System di De Padova; poltrona Etcetera di Jan Ekselius per Artilleriet; tavolino Cugino di Konstantin Grcic per Mattiazzi; lampada da terra AYNO di Stefan Diez.

Da sinistra, paravento Horizon di Germans Ermičs; tavolino Paperwood di Anderssen & Voll per Ariake e lampada a olio Holocene No. 1 di Ilse Crawford per Wästberg. Vasca free-standing in marmo In-Out e rubinetto da terra Memory, entrambi di Benedini Associati per Agape; lavabo Opale di Carlo Colombo e Andrea Lupi per antoniolupi; rubinetteria Valvola01 di Studio Adolini per Quadrodesign; specchio Archimede di Elisa Ossino per Salvatori. Lampada da parete Meridiana di Davide Groppi. A pavimento, rivestimento Vague, collezione Opus Certum di Zanellato/Bortotto per Del Savio 1910.

Da sinistra, foyer Twelve A.M. di Neri&Hu per Molteni&C; tavolino Affordances Limited Edition di Jonathan Zawada per Matter Made. Letto Shanghai di Maurizio Manzoni per Cantori con coperta Couleurs-sur-Sûre di Meyers & Fügmann e coppia di lampade da parete Austere di Hans Verstuyft per Trizo21; pouf Taba di Alfredo Häberli per Moroso; sedia alta Botolo di Cini Boeri per Arflex. Parete con rivestimento in gres porcellanato Lemmy di Mirage e opera Verses of Light, Colour and Uncertainty (90) di Ana Montiel.

Da sinistra, sedute senza e con braccioli Kinesit di Lievore Altherr Molina per Arper; tavolo Quaderna di Superstudio per Zanotta; cestino Sicilia di Bruno Munari per Danese Milano; lampada da parete della collezione Tempo di Lievore Altherr per Vibia. In primo piano, porta scorrevole Velaria di Giuseppe Bavuso per Rimadesio e coppia di sgabelli Fifties di Busetti Garuti Redaelli per Calligaris. A destra, a parete opera di Mimi Jung.