Cine Apolo, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Riviera, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Karl Marx, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Guanabo, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Lido, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine El Megano, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Payret, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Record, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Cine Yara, Havana - Credits: Ph. Carolina Sandretto
La copertina del volume Cines de Cuba, edito da Skira - Credits: Ph. Carolina Sandretto
Products

I cinema dell’isola di Cuba

Per quattro anni Carolina Sandretto ha documentato i cinema dell’isola di Cuba, testimoni della storia e delle trasformazioni del Paese. La fotografa milanese di base a New York è andata alla ricerca delle 694 sale cinematografiche che l’isola contava negli anni Cinquanta. E proprio con una macchina di quegli anni ne ha ritratti oltre 300 tra l’Havana e le città e villaggi di tutte le regioni dell’isola.

Al termine del lungo viaggio, cominciato a San Miguel de los Banos, ha raccolto oltre 500 immagini che raccontano le architetture, le facciate e le insegne rovinate dal tempo, le sale vuote e quelle riconvertite. «Cines de Cuba è una ricerca sul ruolo del cinema nella nostra cultura. Partendo dai cinema di Cuba ho potuto così raccontare una storia globale che riguarda la nostra società nel suo complesso», spiega Carolina Sandretto.

Oggi la raccolta immagini diventa un volume edito da Skira, introdotto da un testo dell’autrice, e arricchito dai testi dell’artista Carlos Garaicoa e della scrittrice Grettel Jiménez-Singer. «Vorrei che questo libro fosse una testimonianza di un patrimonio culturale e architettonico che Cuba può offrire al mondo», ha aggiunto la fotografa.  

Cines de Cuba verrà presentato a Torino il 25 ottobre, alle ore 19.00, presso Camera – Centro Italiano per la Fotografia, a Milano il 26 ottobre, alle ore 18.30, presso FM Centro per l’Arte Contemporanea, e in occasione della Festa del Cinema di Roma il 28 ottobre, alle ore 12.30, presso la Libreria dell'Auditorium Parco della Musica.

Products
Cassina presenta la poltrona Utrecht Point firmata da Paul Smith e Kvadrat
Places
Abitare l’arte, in Provenza
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”