Salvatori - Urano.
Products

Anniversario dell’allunaggio: il design ispirato alla luna

Il 20 luglio 1969, il mondo rimase sospeso per qualche ora, col naso all'insù. Quel passo di Neil Armstrong e Buzz Aldrin sulla luna scolpiva un nuovo immaginario collettivo legato all'universo e ai corpi celesti. Fu un momento storico, che ispirò generazioni di artisti, musicisti, e, ovviamente, designer.

Per questo, in occasione del cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla luna, Icon Design celebra le creazioni dei designer che omaggiano silenziosamente il satellite terreste. Realizzate tra gli anni Sessanta e oggi, raccontano la magia dello spazio attraverso lo sguardo del design. Eccole nella gallery qui sotto.

Arper, YOP, design by Lievore Altherr Molina, 2016. Richiama la forma della luna il tavolo apribile YOP di Arper, caratterizzato da una pratica versatilità. È disponibile in laminato, in legno e nella versione fissa, senza meccanismo di ribaltamento.
Tecno, AT16, design by Osvaldo Borsani, 1961 e 2012. Un appendiabiti girevole ad altezza regolabile, che evoca l'universo e il movimento dei pianeti. Composto da un tubo esterno in alluminio rivestito in pelle nera e da due tubi concentrici scorrevoli in alluminio, termina in sfere in legno massello di faggio, tinto in quattro diverse tonalità.
B-Line; Multichair, design by Joe Colombo, 1970. Sedia, poltrona da conversazione o da relax, Multichair è un sistema trasformabile ispirato agli interni delle navicelle spaziali progettato da Joe Colombo pochi mesi dopo l'allunaggio. Oggi è parte della collezione permanente del MoMA e del Metropolitan Museum of Art di New York.
Zanotta, Allunaggio, design by Achille e Pier Giacomo Castiglioni, 1965. Quattro anni prima dello sbarco sulla luna, Achille e Pier Giacomo Castiglioni immaginavano un sedile ispirato alle navicelle spaziali, realizzato in lega di alluminio e dipinto di verde prato. - Credits:
Bosa, Atomo, design by Jaime Hayon, 2000. Potrebbe essere una navicella spaziale, oppure un piccolo alieno. Il porta-candele Atomo di Jaime Hayon per Bosa riporta alla mente le atmosfere retro-futuristiche dei primi film ambientati nello spazio.
Eclisse – Una lampada da tavolo, installabile anche a parete, firmata Vico Magistretti e prodotta da Artemide a partire dal 1967. Vincitore del Compasso d’Oro, è uno dei progetti più importanti nel panorama del design italiano e internazionale. Dalla Triennale al MoMA, Eclisse è stata esposta in numerosi musei di primo punto. - Credits: Artemide
Bitossi Ceramiche, Empty Cages, design by Michele De Lucchi. Evoca le atmosfere spaziali il vaso Empty Cages disegnato da Michele de Lucchi per Bitossi Ceramiche, che gioca sulla contrapposizione tra pieni e vuoti.
Cc-tapis – Deer at night, design by Rooms studio. Realizzato a mano in Georgia, nel Caucaso, Deer at night si ispira ai cieli stellati e alla forza della natura – qui rappresentata dal cervo - usando i motivi autentici del tappeto georgiano.
Mario Milana, Sedia MM3, 2015. Potrebbe arredare una navicella spaziale la poltroncina MM3 di Mario Milana, dotata di struttura in ferro e seduta, schienale e braccioli in poliuretano espanso rivestiti in cuoio naturale.
De Castelli, Mida, design by Martinelli Venezia, 2018. Un cerchio perfetto, definito da ferro, rame e ottone, nasconde un cabinet dove raccogliere, contenere e ordinare. Si fissa alla parete come se fosse un quadro astratto di un corpo celeste che scorre silenzioso.
Espasso – Esfera Lounge Chair, design by Ricardo Fasanello, 1970. Unendo ispirazioni pop e spaziali, la sedia girevole Esfera si caratterizza per la struttura sferica in fibra di vetro con sedile e schienale imbottiti. Negli anni Settanta, Fasanello lavorava con materiali innovativi per il tempo come resina, poliestere e fibra di vetro, mescolandoli con pelle, acciaio e ferro.
Masiero, Timeo, design by Omri Revez. Potrebbero essere tante facce della luna i dischi che compongono la lampada a plafoniera Timeo di Masiero, realizzata in metallo verniciato – disponibile in diversi colori - con illuminazione a LED.
Matter Made, Discus Lamp, design by Jamie Gray. Linee pulite ed essenziali definiscono questa lampada da terra che ricorda il disco lunare, disegnata da Jamie Gray, fondatore del brand Matter Made.
Conde House, Nupri, design by Toshiyuki Kita, 2019. Dallo stile retro-futurista, la poltrona Nutri unisce la tradizione artigianale giapponese alle atmosfere spaziali. La struttura basilare è realizzata in legno di quercia in cui sono stati integrati lo schienale e la seduta imbottiti, i braccioli e le gambe.
Olev, Beam Stick Nuance, design by Marc Sadler, 2019. Presentato a Euroluce 2019, Beam Stick Nuance è la nuova interpretazione della collezione Beam, caratterizzata da una sfera in vetro sfumato. Una piccola luna che diffonde luce soffusa.
Salvatori, Urano, design by Elisa Ossino. Una lampada a sfera che richiama la forma e la luce soffusa della luna, ricavata da un cubo di marmo Bianco Carrara che crea un’atmosfera calda e romantica.
Diesel Living with Seletti, Starman Gold. Celebra i 50 anni dallo sbarco sulla Luna il vaso-statuetta Starman Gold, parte di Cosmic Diner, la collezione per la tavola ispirata allo spazio e ai pianeti composta da piatti, bicchieri, tazzine e posate.
SEM, Petali, design by Hannes Peer, 2019. Sembra essere pronta a partire per lo spazio la lampada da tavolo Petali, disegnata da Hannes Peer per SEM. Un'abat-jour reinterpretata, composta da otto diffusori mobili realizzati in ferro che schermano due fonti luminose poste sull’asse centrale della struttura. - Credits: Foto: Delfino Sisto Legnani
Jasper Morrison si fa ispirare dalle forme della luna per disegnare la lampada Superlook di Flos. Un imponente disco piatto poggiato su tre steli e direzionabile a 360° con luce regolabile è tutto quello che serve per illuminare un ambiente o una semplice lettura. - Credits: Flos
Italamp, Muna, design by Danilo de Rossi. Una lampada a sospensione ispirata alla luna che si compone di due parti: una sfera bianca in vetro soffiato e un cappuccio in vetro borosilicato. La sfera ha una superficie porifera e irregolare, punteggiata da una serie di micro crateri che evocano la conformazione lunare. Muna ha anche una sorellina quasi gemella: Marta, che richiama il pianeta rosso.
Moroso, Moon, design by Tokujin Yoshioka, 2010. Linee mutevoli e fluide caratterizzano la poltroncina Moon disegnata da Tokujin Yoshioka per Moroso, una seduta sinuosa dal tratto evanescente e lunare, che riverbera la luce diffondendo bagliori tenui e rarefatti.
Cappellini – Off The Moon – Design by Thomas Dariel. Dedicato a chi ama l'arte della presentazione: si ispira alla luna il vassoio disegnato da Thomas Dariel per Cappellini. Una luna in ottone con finitura rosa lucido che si specchia nell'acqua. L'accompagnatore ideale dell'ora del té, ma anche dell'aperitivo e del dessert.
Lee Broom, Eclipse Pendants. Da sempre ispirato al fenomeno dell'eclissi lunare, Lee Broom celebra il satellite della terra con lampade che evocano il suo fascino. Come nel caso di Eclipse Pensants, lampada a sospensione che sembra quasi un gioiello, un pendente prezioso che richiama la magia della luna.