James Dyson con il nuovo asciugacapelli Dyson Supersonic - Credits: Dyson
Dyson Supersonic è otto volte più veloce rispetto agli altri asciugacapelli e pesa circa la metà - Credits: Dyson
Ha quattro livelli di calore, tre flussi d’aria di diversa intensità e anche un getto freddo - Credits: Dyson
Products

Dyson Supersonic, l’asciugacapelli smart

L’asciugacapelli è uno di quegli oggetti il cui design è rimasto pressoché immutato nel tempo.

Fino ad oggi. Sì, perché James Dyson ha deciso di ridisegnarne forma e funzionalità. Si chiama Dyson Supersonic e ha richiesto uno sforzo economico di 70 milioni di euro da parte dell’azienda inglese, che per l’occasione ha istituito un laboratorio ad hoc dedicato allo studio della scienza del capello. Qui gli ingegneri Dyson si sono impegnati ad analizzare i capelli dalla radice alla punta, per capire come reagiscono alle fonti di stress, come mantenerli sani e in piega.

Come spiega James Dyson: «Gli asciugacapelli possono essere pesanti, inefficienti e rumorosi. Analizzandoli nel dettaglio, ci siamo anche resi conto che possono causare gravi danni ai capelli. Ecco perché ho sfidato gli ingegneri Dyson a studiare attentamente la scienza del capello e a sviluppare la nostra versione di asciugacapelli per risolvere questi problemi».

Così, negli ultimi quattro anni il team ha eseguito test su diversi tipi di capelli e costruito attrezzature di collaudo per simulare in modo meccanico le tecniche di asciugatura. Una curiosità: ad oggi sono stati asciugati un totale di 1,625 chilometri di capelli.

Il risultato è un asciugacapelli alimentato dal motore digitale brevettato Dyson V9, è il più piccolo, leggero e avanzato motore digitale sviluppato dall’azienda inglese. Dyson Supersonic emette un flusso d’aria veloce ma mirato. È più silenzioso e facilmente manovrabile rispetto ai tradizionali asciugacapelli, ma cosa più importante è in grado di controllare in modo intelligente la temperatura dell’aria per proteggere i capelli dai gravi danni causati dal calore.

Dyson è riuscita anche ad ottimizzare la rumorosità grazie a una ventola assiale posizionata all’interno del motore, così da semplificare il percorso dell’aria, riducendone turbini e vortici. Inoltre, dotando la ventola di 13 pale invece che 11 come di consueto, la silenziosità del motore è stata portata ad una frequenza acustica che va oltre l’intervallo percepibile dall’orecchio umano.

L’apparecchio è otto volte più veloce rispetto agli altri asciugacapelli e pesa circa la metà. Ha quattro livelli di calore, tre flussi d’aria di diversa intensità e anche un getto freddo. Mentre gli accessori magnetici, un beccuccio lisciante e un diffusore, sono stati progettati per controllare al meglio il flusso d’aria.

Products
Due nuove fotocamere in casa Hasselblad
Places
Vino e design: Cantina Antinori
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto