Lampada a sospensione in ottone Reflector. La lente riflette la luce nello spazio, le forme si ispirano a una collana romana del 46 d.C - Credits: Formafantasma
La lampada da tavolo Helmet trae ispirazione da un elmetto romano del I Secolo a.C.. Per accendere e spegnere la luce basta ruotare le pareti curve della lampada - Credits: Formafantasma
Lampada da terra Magnifier in travertino, ottone, Led e vetro - Credits: Formafantasma
Lampada Eclipse. Un disco a Led luminoso è appeso davanti al disco in travertino. L'effetto ottico si ispira all'oculus di 9 metri sulla cupola del Pantheon, 125 d.C. - Credits: Formafantasma
Il Palazzo dei congressi, Adalberto Libera, 1938, ispira il tavolino Domus - Credits: Formafantasma
Lampada a Led Reflector in travertino e bronzo. Il piano basculante riflette la luce nell'ambiente - Credits: Formafantasma
Il mobiletto Thea si ispira alla Casa delle Armi di Luigi Moretti - Credits: Formafantasma
Contenitori Lake Bowls, collezione Delta firmata dal duo Formafantasma - Credits: Formafantasma
Lampada a parete Regula, collezione Delta del duo italiano Formafantasma - Credits: Formafantasma
Il set completo Vessels trae ispirazione delle terracotta di contenitori romani del II Secolo d.C. - Credits: Formafantasma
Lampada da tavola a olio Aurea, collezione Delta - Credits: Formafantasma
Specchio Imago, parte della collezione Delta - Credits: Formafantasma
Il duo Formafantasma ha visitato Musei e reperti archeologici dell'antica Roma, fotografando ceramiche e bronzi da cui trarre ispirazione per creare la collezione Delta - Credits: Formafantasma
Products

Formafantasma e la collezione Delta

S’ispira alle rovine e agli artefatti dell’antica Roma la collezione Delta del duo Formafantasma.

Per realizzarla, i designer si sono dedicati ad un dettagliato tour della Capitale. Hanno visitato architetture e musei, osservato e fotografato gioielli, lanterne, ceramiche, sculture e armature.

Un importante lavoro di ricerca, che ha portato lo studio Formafantasma al compimento dell’impresa: lampade a sospensione rimandano all’oculo del Pantheon, illuminazioni da tavolo richiamano le forme degli elmetti di centurioni romani, dispenser per olio e aceto riproducono le forme di recipienti del II Secolo d.C. mantenendo i colori originali, nero e rosso, con l’aggiunta di una versione in bianco più contemporanea.

Non mancano riferimenti alle architetture e alla luce particolare che al tramonto si riflette sulle facciate in travertino degli edifici, riempiendo Roma di toni caldi, quasi dorati.

Le forme astratte e minimali scelte da Formafantasma sono la reinterpretazione della città eterna e dei suoi materiali, di quei marmi, ceramiche e bronzi capaci di resistere al tempo e giunti fino a noi.

Dallo studio di Amsterdam alla città eterna

Delta nasce dalla collaborazione tra la galleria di design Giustini / Stagetti Galleria O. Roma e il duo di designers Andrea Trimarchi e Simone Farresin. Il progetto, curato da Domitilla Dardi, senior curator al Maxxi di Roma, fa parte di Privato Romano Interno, un programma di design contemporaneo curato da Emanuela Nobile Mino per Galleria O. Roma.

L’iniziativa, iniziata nel 2012 con la realizzazione della Brazilian Baroque Collection dei Fratelli Campana, coinvolge designer internazionali nella produzione di arredi a tiratura limitata, dedicati alla città eterna.

News
Il nuovo numero di Icon Design
News
Flos sbarca a Praga
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento