Credits: La nuova fotocamera Leica Q
Credits: La nuova fotocamera Fujifilm X-T10
Credits: La nuova fotocamera Sony A 7R II
Products

Tre fotocamere mirrorless: hi-tech ma dal gusto retrò

Alessandro Mitola

Sono maneggevoli, supercompatte e curate nei minimi dettagli. Design misurato e look retrò sono i punti di forza delle mirrorless di ultima generazione, ovvero fotocamere con ottiche intercambiali a metà strada tra una compatta e una reflex. L’assenza dello specchio interno, presente in tutte le reflex, è una peculiarità che consente una notevole riduzione del corpo macchina, mantenendo una qualità di immagine nettamente superiore alle compatte, e una maggiore portabilità in tutte le situazioni. Eccone tre modelli appena usciti sul mercato.

Leica Q è la nuova arrivata in casa Leica. L’azienda tedesca ha messo a punto una macchina fotografica pratica, versatile e dal design curato: uno strumento ideale per gli amanti della street photography.
Monta un obiettivo Leica Summilux 28 mm f/1.7 ASPH, ottimo in tutte le condizioni di luminosità, un mirino integrato con risoluzione di 3,68 megapixels ed è dotata di sensore CMOS da 24 megapixels accordato con precisione all'obiettivo, con la possibilità di raggiungere una sensibilità ISO fino a 50.000.
Inoltre, la nuova Leica Q dispone di un modulo Wi-Fi integrato per la trasmissione wireless di fotografie e video ad altri dispositivi e il comando a distanza tramite WLAN da uno smartphone o computer tablet, dove è possibile installare una applicazione per gestire queste funzionalità.

Fujifilm continua a stupire, proponendo con continuità una serie di gioielli tecnologici. È il caso della nuova Fuji X-T10, sorella minore della X-T1, fotocamera dal design vintage e dimensioni molto ridotte. La precisione e la compattezza sono le novità messe a punto dalla casa produttrice, che ha introdotto un nuovo sistema di messa a fuoco automatica che consente di mettere a fuoco con maggiore semplicità anche i soggetti in movimento.

La nuovissima Sony α7R II è un esempio di ingegneria di alta precisione. Con i suoi 42.4 megapixels, un’estensione che va da 50 a 102400 ISO e un velocissimo autofocus da 399 punti, l’azienda giapponese alza ancora una volta gli standard fotografici, per ottenere una qualità di immagine strabiliante. Il tutto mantenendo un design sobrio ma soprattutto contenuto, che consente di avere sempre con sé la camera.

News
Designer, architetti e illustratori ritraggono l'Expo en plein air
News
Il 9 luglio apre a Milano il Museo del Design 1880-1980
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”