Credits: La consolle M1 Console by Wren HiFi
Credits: Il giradischi M1 Console by Wren HiFi
Credits: Il nuovo giradischi Original by Philips
Credits: Il nuovo giradischi Original by Philips
Credits: Modern Record Console by Symbol
Credits: Modern Record Console by Symbol
Products

Tre giradischi: alta fedeltà ma dal look retrò

Laura Barsottini

Maneggiare un vinile equivale a un tuffo indietro nel tempo. L’irresistibile fascino visivo, tattile e acustico di un disco in vinile è una calamita per semplici ascoltatori, collezionisti a caccia di rarità e in generale per gli amanti della buona musica. Gelosamente custoditi con cura negli scaffali del salotto, i vinili portano sé un'eco di ricordi ed emozioni che si dischiudono non appena la puntina ne accarezza i solchi.

Tra valvole, puntine e vinili, le aziende di settore continuano a sfornare supporti per l’ascolto riportando in auge un vero e proprio oggetto di culto.

Philips si è ispirata al leggendario modello AG4131 del 1965 per dar vita a Original, un giradischi che reinterpreta in chiave moderna l’estetica a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta, aggiungendo qualche dettaglio tecnologico in più. Altoparlanti efficienti, giradischi bilanciato, streaming in modalità wireless via Bluetooth e funzione di copia da dispositivi USB per registrare file MP3. Insomma, un grande classico rivisitato a dovere.

Realizzata a mano a San Diego, M1 è una consolle prodotta dell’azienda californiana Wren HiFi che rispecchia esattamente le caratteristiche dei supporti anni Settanta, con prestazioni d’ascolto di qualità. Si tratta di un complemento curato nei dettagli, che unisce design e tecnologia, adattandosi ai molteplici ambienti domestici.

Modern Record Console, prodotta da Symbol, porta con sé il sapore delle consolle all-in-one anni Cinquanta. La struttura è composta da uno scheletro in acciaio e impreziosita da una soldia base in legno di noce americano. Altissima qualità nel design e nell’audio contraddistinguono la Modern Record Console, rendendola un gioiellino da appartamento.

Storytelling
7 designer italiani a New York
Storytelling
Tra ironia e design: le icone Pop
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell

Invertire la rotta: 5 hotel nei borghi e nell'entroterra

Prendendo spunto dal progetto Arcipelago Italia alla Biennale Architettura di Venezia, abbiamo creato un percorso attraverso paesi, campagne e piccole città dalla bellezza unica
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”