Products

Mag-Lev: il giradischi a levitazione magnetica

Un giradischi a levitazione magnetica. Detto così sembra qualcosa di fantascientifico, ma in realtà è tutto vero. Al posto del tradizionale meccanismo a motore, Mag-Lev si avvale del principio della levitazione magnetica e consente al piatto di muoversi a mezz’aria, rimanendo a contatto con la testina fonografica.

Sono passati pochi giorni debutto su Kickstarter e il progetto ha riscontrato un gran successo: nel momento in cui scriviamo questo articolo ha già incassato 256mila dollari, avvicinandosi in modo fulmineo all’obiettivo prefissato, 300mila dollari.

Se la campagna di raccolta fondi andrà a buon fine, Mag-Lev sarà disponibile sul mercato a partire da agosto dell’anno prossimo. E oltre a lasciare a bocca aperta gli ascoltatori, l'apparecchio promette un’esperienza di ascolto unica nel suo genere e di estrema qualità. Vedere per credere.

Products
Scrivanie di design: i nuovi modelli da non perdere
Products
I nuovi rivestimenti Florim
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto