A sinistra, lampada Babel di Santa & Cole. Vaso Mountain color terracotta di Pulpo. Tavolino effetto terrazzo Matera di Paola Navone per Baxter. Sul tavolino: caraffa di Nacho Carbonell, da Rossana Orlandi; scultura di Mia e Göransson, da Officine Saffi. Sullo sfondo tessuto Argentina di Dedar. Abito, reggiseno e culotte N°21, calze Pan & The Dream. A destra, dall’alto, candeliere in acciaio di Minimalux. Fermacarte Eagle in vetro di Murano, di Armani/Casa. Bowl smaltata di Alla Carta. Piatto piano Trama in melammina, design Patricia Urquiola per Kartell. Posacenere di Marianne Brandt per Alessi. Vaso Bombay in argento, di De Vecchi Milano 1935. Tappeto Tack, di Faye Toogood per cc-Tapis. Abito Molly Goddard, guanti Ermanno Scervino, reggiseno e culotte N°21.
A sinistra, vaso scultoreo Ferrosecco #1 in acciaio color salmone, di Federica Elmo. Portafiori Nuage in alluminio anodizzato, design Ronan & Erwan Bouroullec per Vitra. Per lei nude trench in crine trasparente Maison Margiela, reggiseno Eres. A destra, da sinistra, serie di vasi: Flow Bowl in poliuretano, design Nendo per Alias; Bambù in ceramica opaca, di Enzo Mari per Danese; Wiggle, design Max Lamb per Bitossi; vaso o portariviste Isola in plastica, design Angeletti Ruzza per F.lli Guzzini.
A sinistra, scultura portafiore Eden in ottone satinato, marmo grezzo e vetro di Agustina Bottoni. Vaso Extreme in vetro soffiato e cinghia di metallo, di Natuzzi Italia. Sullo sfondo tessuto Aplomb in raso di lana Merinos color vaniglia, di Dedar. A destra, vaso Labirinto in porcellana decorata a mano con filettatura in platino, di Richard Ginori. Tenda realizzata con tessuto Podium QB, ignifugo ricamato con filati metallici, di Dedar. Dolcevita in chiffon di seta Calcaterra e pantaloni in organza Erika Cavallini.
A sinistra, scatola rotonda Oggetti d’Art de Vivre in legno d’acero, di Maria Van Kesteren per Hermès. Vaso Lady in vetro soffiato, design Leonardo Ranucci per Venini. Abito Maison Margiela, slip Eres. Sotto, sfera in cristallo di Murano soffiato a bocca trasparente color acciaio con applicazione a caldo di bolli in pasta bianco lattimo, nero e grigio, di Carlo Moretti. Abito patchwork Jil Sander.
Da sinistra, lampada da tavolo, di Jorge Penades da Rossana Orlandi. Sedia Follia di Zanotta, design Giuseppe Terragni, 1932. Centrotavola ad anello Keyholder in ottone, di Vincent van Duysen per When Objects Work. Sgabello Colonna, design Ettore Sottsass per Kartell. Alzata Neo Vessel in marmo e ottone, di Apparatus. I vasi sulla mensola, da sinistra: Ply in marmo bicolore, di Giorgetti e Algidi in ceramica e lapis specularis, di Davide Aquini. Maglia Hugo, gonna Max Mara, calze Pan & The Dream e sandali Jimmy Choo. In tutto il servizio orecchini Jacquemus.
Products

Icone classiche

Foto di Ester Grass Vergara

Set design di Greta Cevenini

Moda di Marco Dellassette

Coordinamento di Francesca Santambrogio

Model: Marta @ The Fabbrica
Hair stylist: Daniele Falzone using R+CO @ Atomo
Make up artist: Chiara Guizzetti @ Green Apple
Stylist’s assistant: Giorgia Bove

Speciale Biennale
Biennale Architettura: i padiglioni e le mostre da non perdere
News
101 racconti d’Italia in salita e discesa
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi