JCP, Surande. Design di Alessandro Zambelli - Credits: JCP - Visual storytelling con design set di Katia Meneghini e foto di Silvio Macchi
JCP, Galaver. Design di Emanuele Magini - Credits: JCP - Visual storytelling con design set di Katia Meneghini e foto di Silvio Macchi
JCP, Agaxa. Design di CTRLZAK Art and Design Studio - Credits: JCP - - Visual storytelling con design set di Katia Meneghini e foto di Silvio Macchi
JCP, Fylgrade. Design di CTRLZAK Art and Design Studio - Credits: JCP - Visual storytelling con design set di Katia Meneghini e foto di Silvio Macchi
A sinistra, un dettaglio di Agaxa. A destra, un dettaglio di Fylgrade - Credits: JCP, Ph. Silvio Macchi
JCP, Surande - Credits: JCP - Visual interpretation di SUSAMI Studio. Haiku di Alistair Gentry
Products

JCP: quando l’arte incontra il design

Nel panorama italiano del design fa capolino un nuovo brand. Si chiama JCP e nasce da un’idea dell’Architetto Livio Ballabio.

Presentato a marzo in anteprima con la performance Secret Gates presso il Teatro dell’Arte della Triennale e svelato con l’installazione Ten Secret Treasures in occasione del Fuorisalone 2016 nell’ambito di Brera Design District, JCP coniuga diversi approcci progettuali.

«La collezione rappresenta un paradigma, una tappa del percorso appena iniziato. Quello che conta davvero è il tracciato di una nuova rotta», spiega Livio Ballabio.

A tenere le redini del progetto, Katia Meneghini e Thanos Zakopoulos di CTRLZAK Art and Design Studio, a cui è affidata la direzione artistica di JCP.

Il duo, meglio noto per il suo approccio progettuale ricco di contaminazioni, porta ad interagire diverse discipline e culture coinvolgendo autori come Alistair Gentry, artista-scrittore inglese le cui storie e haiku accompagnano ogni creazione, lo studio greco SUSAMI, che ha firmato l’immagine coordinata del brand e interpretato JCP attraverso singolari suggestioni grafiche.

E poi i designer italiani Alessandro Zambelli ed Emanuele Magini, che assieme a CTRLZAK firmano una collezione d’esordio composta da dieci creazioni dall'approccio multidisciplinare. Dove l’arte arte incontra il design.

News
Shaddai, lo yacht super lusso progettato da un giovane designer italiano
News
Il Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi