Products

Design e sostenibilità: tazze da caffè realizzate a partire dai fondi di caffè

La plastica è uno dei grandi temi al centro del dibattito pubblico sulla questione della sostenibilità ambientale. Negli ultimi tempi la rete si è popolata di decine e decine di video che mostrano isole di spazzatura e oceani invasi dalla plastica. Ed è proprio di qualche mese fa la proposta della Commissione Europea, per diminuire la produzione dei rifiuti, di mettere al bando i prodotti di plastica usa e getta: dai piatti alle posate, passando per i bicchieri e i cotton fioc.

In questo scenario anche il mondo del design può dare il suo contributo, sensibilizzando e ripensando gli oggetti. Come ha fatto l’azienda di Berlino Kaffeeform, che ha messo a punto una collezione di tazze, tazzine e piattini interamente realizzate a partire da una miscela a base di fondi di caffè. La famiglia di oggetti è stata brevettata nel 2015 raccogliendo fondi di caffè nei bar berlinesi. Poi nel corso degli anni successivi è stata perfezionata: oggi i prodotti di Kaffeeform profumano di caffè, sono leggeri e durevoli, e si possono lavare in lavastoviglie.

«Siamo partiti da una domanda piuttosto semplice», racconta il designer tedesco Julian Lechner, la mente dietro al progetto Kaffeeform. «Che fine fanno i fondi di caffè una volta che abbiamo gustato il nostro espresso, cappuccino o americano? Esiste un modo per riutilizzare questa risorsa naturale?». Così dopo 3 anni di sperimentazione e test, l’idea. «Abbiamo realizzato una miscela partendo dai fondi di caffè combinati con materie prime rinnovabili. Il risultato è materiale innovativo, completamente sostenibile».

Nel 2018, con il lancio di una tazza da caffè americano, il primo riconoscimento: la startup tedesca si aggiudica il premio Red Dot Award nella sezione materiali. Si chiama Weducer ed è concepita per sostituire le classiche tazze in stile americano usa e getta. Il design è tale e quale all'originale, inclusa la classica scanalatura isolante per non scottarsi. La differenza è che non inquina.

Storytelling
Dror Benshetrit: "Io, visionario, vi presento il mio mondo libero"
Places
Galerie d’Architecture: uno spettacolo chiamato architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Milano Design Film Festival 2019: un po’ di anticipazioni

Il mondo del progetto torna sul grande schermo. Dal 24 al 27 con la settima edizione della rassegna cinematografica ideata da Antonella Dedini e Silvia Robertazzi
Tra passato e futuro: Tbilisi e l

Tra passato e futuro: Tbilisi e l'architettura

La capitale delle Georgia è in piena trasformazione. E a rappresentare il volto sfaccettato della città è un mix architettonico in cui convivono edifici sovietici, architetture contemporanee e abitazioni tradizionali. Abbiamo fatto un giro tra i suoi landmark architettonici
Un rifugio in alta quota, in Norvegia

Un rifugio in alta quota, in Norvegia

A 1125 metri di altitudine, un’architettura in legno e vetro in grado di resistere alle condizioni climatiche più ostili. A firmarla lo studio di progettazione Arkitektvaerelset
Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Organizzare il vino: 10 portabottiglie di design

Creare un angolo della casa dedicato alle bottiglie di vino può essere molto elegante: ecco qualche portabottiglie per dare forma a una piccola cantina di design
Scrigno Mollino

Scrigno Mollino

Tagli, ritagli e frattaglie degli archivi torinesi che custodiscono i tesori creativi di uno dei più visionari e misteriosi architetti italiani del Novecento