Products

Design e sostenibilità: tazze da caffè realizzate a partire dai fondi di caffè

La plastica è uno dei grandi temi al centro del dibattito pubblico sulla questione della sostenibilità ambientale. Negli ultimi tempi la rete si è popolata di decine e decine di video che mostrano isole di spazzatura e oceani invasi dalla plastica. Ed è proprio di qualche mese fa la proposta della Commissione Europea, per diminuire la produzione dei rifiuti, di mettere al bando i prodotti di plastica usa e getta: dai piatti alle posate, passando per i bicchieri e i cotton fioc.

In questo scenario anche il mondo del design può dare il suo contributo, sensibilizzando e ripensando gli oggetti. Come ha fatto l’azienda di Berlino Kaffeeform, che ha messo a punto una collezione di tazze, tazzine e piattini interamente realizzate a partire da una miscela a base di fondi di caffè. La famiglia di oggetti è stata brevettata nel 2015 raccogliendo fondi di caffè nei bar berlinesi. Poi nel corso degli anni successivi è stata perfezionata: oggi i prodotti di Kaffeeform profumano di caffè, sono leggeri e durevoli, e si possono lavare in lavastoviglie.

«Siamo partiti da una domanda piuttosto semplice», racconta il designer tedesco Julian Lechner, la mente dietro al progetto Kaffeeform. «Che fine fanno i fondi di caffè una volta che abbiamo gustato il nostro espresso, cappuccino o americano? Esiste un modo per riutilizzare questa risorsa naturale?». Così dopo 3 anni di sperimentazione e test, l’idea. «Abbiamo realizzato una miscela partendo dai fondi di caffè combinati con materie prime rinnovabili. Il risultato è materiale innovativo, completamente sostenibile».

Nel 2018, con il lancio di una tazza da caffè americano, il primo riconoscimento: la startup tedesca si aggiudica il premio Red Dot Award nella sezione materiali. Si chiama Weducer ed è concepita per sostituire le classiche tazze in stile americano usa e getta. Il design è tale e quale all'originale, inclusa la classica scanalatura isolante per non scottarsi. La differenza è che non inquina.

Storytelling
Dror Benshetrit: "Io, visionario, vi presento il mio mondo libero"
Places
Galerie d’Architecture: uno spettacolo chiamato architettura
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
I cinque articoli più letti del 2018

I cinque articoli più letti del 2018

Le nuove aperture tra design, arte e food; le novità in fatto di sedute, lampade e tavoli; le tendenze per l’arredo bagno. Ecco la classifica degli contenuti più letti durante l’anno
Museo Ferrari: raccontare il mito

Museo Ferrari: raccontare il mito

In occasione del 120° anniversario della nascita di Enzo Ferrari, il museo di Maranello presenta due mostre che ripercorrono la storia dell'azienda. Ma non solo: anche un restyling del museo firmato Benedetto Camerana
Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Flying Nest: l’hotel nomade firmato Ora-ïto

Nasce da un’idea del gruppo alberghiero francese AccorHotels, con il progetto del designer francese. Per montarlo basta mezza giornata
Arredare con il legno

Arredare con il legno

Tavoli, tavolini, sedie, sgabelli e molto altro. Da scoprire nel servizio fotografico di Jeremias Morandell con il set design di Martina Lucatelli
Riconsiderare il ruolo dell

Riconsiderare il ruolo dell'arte: Azulik Uh May

Nella giungla della penisola dello Yucatan, è nato uno spazio espositivo la cui architettura è stata modellata attorno agli alberi. Un luogo che invita a ribaltare gli schemi mentali, in tutti i campi