La nuova Leica M-D Typ è sprovvista dell'iconico bollino rosso sulla parte anteriore - Credits: Leica
La calotta è equipaggiata con ghiera dei tempi e modalità di scatto - Credits: Leica
Il dorso della nuova Leica M-D Typ 262 è privo di schermo LCD - Credits: Leica
Alcuni dettagli della nuova Leica M-D Typ 262 - Credits: Leica
Products

Leica M-D Typ 262, la fotocamera digitale senza schermo LCD

Leica torna a dettare le regole nel campo della fotografia. Questa volta annunciando la nuova Leica M-D Typ 262, una fotocamera digitale priva di schermo LCD.

Proprio così, la prestigiosa casa tedesca torna con una rangefinder a telemetro, rigorosamente digitale. Niente monitor posteriore e niente menù, però.

La nuova Leica M-D Typ 262 è una fotocamera estremamente essenziale, equipaggiata solo con elementi indispensabili per la ripresa. Verrebbe da dire una fotocamera pensata per i “puristi” e gli affezionati della pellicola.

In ogni modo, una scelta che farà discutere e dividerà addetti ai lavori e appassionati, riaccendendo il dibattito tra analogico e digitale.

Dal punto di vista estetico è un ritorno alle origini. Le forme della fotocamera ricalcano la celebre famiglia M, utilizzata da fotografi come Henri Cartier-Bresson, Elliott Erwitt, William Eggleston, Sebastiao Salgado, Jeff Mermelstein e molti altri. Anche l’iconico bollino rosso scompare dalla parte anteriore, in favore di un design più discreto.

Venendo ai dettagli tecnici, la fotocamera pesa 680 grammi e dispone di un sensore CMOS da 24 megapixel, un processore di immagini ad alte prestazioni Leica Maestro e uno slot di memoria SDHC / SDXC.

Milano Design Week
Il primo monomarca Toncelli a Milano
Products
Tiger: con Misaki Kawai è tutto gioco
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto
LightHenge illumina Milano Fall Design Week

LightHenge illumina Milano Fall Design Week

Per tutta la durata del mese di ottobre, l’installazione di suoni e luci firmata da Stefano Boeri per Edison illumina piazza XXV Aprile
Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Una mostra affronta il tema della riqualificazione delle periferie

Si intitola "Metropoli Novissima" e sarà visibile fino al prossimo 15 novembre presso il complesso Monumentale di San Domenico Maggiore di Napoli
Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Riflessioni sul presente: Brera Design Days

Una settimana di incontri, talk, workshop e mostre sul rapporto tra design, politiche urbane, grafica e industria 4.0. Cosa vedere e perché