Softwall, disegnata dagli architetti Gerhards e Glücker per B&B Italia
Softwall, disegnata dagli architetti Gerhards e Glücker per B&B Italia
Bibliochaise dello studio di design .nobody&co.
Bibliochaise dello studio di design .nobody&co.
The Bookworm dello studio olandese Atelier 010 - Credits: Caren Huygelen
Infinity progettata dall'olandese Job Koelewijn - Credits: Courtesy Galerie Fons Welters
Products

Cinque librerie sorprendenti per rilassarsi con eleganza

Laura Barsottini

Creative, articolate, stravaganti nelle forme: sono le librerie più anticonformiste e di tendenza oggi. Complemento d’arredo a volte sottovalutato, la giusta libreria può diventare, all’occorrenza, protagonista dello spazio adattandosi a ogni esigenza. Non solo, quindi, contenitore di libri e suppellettili, ma elemento d’arredo da vivere e mostrare con orgoglio. Ecco cinque librerie che non passano inosservate.

Non è per tutte le case perché ha bisogno di grandi spazi e di un numero notevole di volumi, Infinity progettata dall'olandese Job Koelewijn. Più che una libreria è, infatti, un’opera d'arte, o meglio, una scultura tridimensionale che occupa pienamente la superficie con le sue linee sinuose. La struttura ripercorre nelle forme il simbolo dell'infinito come omaggio all’immenso potere dei libri e del sapere.

Ritaglia spazi più intimi The Bookworm dello studio olandese Atelier 010. The Bookworm si compone di un lungo scaffale interno e uno esterno che corrono paralleli e si avvolgono in modo circolare creando una forma morbida e flessuosa. Al centro della struttura uno spazio vuoto funge sia da seduta per una o più persone sia da chaise longue.

Softwall, disegnata dagli architetti Gerhards e Glücker per B&B Italia, è una parete in feltro poggiata su una struttura in metallo. Non semplice complemento di arredo, è una parete per dividere e rendere funzionale qualsiasi spazio, a casa e al lavoro. Ricorda nella forma una libreria, ma è concepita per ospitare riviste e tutti quegli oggetti che si vuole avere sempre a portata di mano.

Sorprendente, 48, la libreria realizzata dall’architetto russo Andrei Saltykov, replica nella forma la mappa degli Stati Uniti d’America. La struttura è in legno ed è composta da 48 sezioni che riproducono gli stati degli USA (a esclusione delle isole Hawaii e dell’Alaska). In edizione limitata.

Risolve ogni problema di spazio Bibliochaise dello studio di design .nobody&co., la poltrona libreria che unisce la comodità della seduta alla funzionalità della struttura. Nonostante le dimensioni ridotte, Bibliochaise può contenere un numero elevato di volumi grazie ai 5 metri lineari di ripiani ed è provvista di piccole rotelle nascoste per essere spostata agevolmente anche piena. Disponibile nelle tre versioni: matt, laccata lucida e in rovere tinto wenghé.

Places
Copernico: un progetto innovativo, tra forma e produttività
Products
Cemento e forma: 5 progetti d'arredo innovativi
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La ceramica che scommette sull’innovazione

La ceramica che scommette sull’innovazione

Nel cuore del distretto di Sassuolo, Marazzi Group inaugura uno stabilimento ad alta automazione. Dove l’ingegno visionario dei designer si trasforma in realtà
Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Linea Light Group illumina Palazzo Vecchio a Firenze

Un progetto suggestivo a tema natalizio, che prende forma attraverso una duplice scenografia luminosa visibile fino al prossimo 6 gennaio
L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

L’installazione di Edoardo Tresoldi a Barcellona

Un’opera site-specific che prende forma sulla copertura de L’Illa Diagonal, edificio progettato da Rafael Moneo e Manuel de Solà-Morales
La casa-museo di Tony Salamé

La casa-museo di Tony Salamé

A Beirut, ospiti dell’imprenditore nel retail di lusso e creatore della Aïshti Foundation, Tony Salamé. Che ha fatto della ricerca della bellezza una ragione di vita. E del collezionismo d’arte contemporanea una missione
I 240 anni del Teatro alla Scala

I 240 anni del Teatro alla Scala

Una mostra per ripercorrere l’evoluzione del Teatro e della città di Milano, dal XVIII ad oggi. Con il progetto di Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto