Credits: Flickr - Ph. Christopher Cotrell
Products

10 libri di design da leggere quest’estate

Il 2016 è stato fino ad oggi un anno prolifico di libri dedicati all’architettura e al design dal grande valore artistico e culturale.

Volumi che raccontano le opere dei più grandi architetti o aspetti legati alla storia del design, ma anche testi un po’ più leggeri e divertenti, ma non per questo meno importanti. 

Le vacanze estive possono essere l’occasione per dedicare un po’ del proprio tempo libero alla lettura oppure per arricchire la propria biblioteca di volumi di grande pregio.

Tra nuove uscite e libri ormai diventati cult, abbiamo selezionato per voi i 10 libri di design da leggere quest'estate. Titoli importanti, di prestigio, belli non solo da sfogliare ma anche da collezionare.

Ce n'è davvero per tutti i gusti!

La copertina del volume Codice Mendini di Fulvio Irace - Credits: Electa
Tema e variazioni – The first series 1-100 - Credits: Fornasetti
Oscar Niemeyer - Credits: Assouline
Il metodo Cappellini. Il sogno declinato - Credits: Electa
Richard Sapper di Jonathan Olivares - Credits: Phaidon
Marcel Breuer di Robert McCarter - Credits: Phaidon
The Package Design Book - Credits: Taschen
The LEGO Architect di Tom Alphin - Credits: No starch press
The Impossible Collection of Design - Credits: Assouline
Architecture's Odd Couple: Frank Lloyd Wright and Philip Johnson di Hugh Howard - Credits: Bloomsbury Press

Codice Mendini. Le regole per progettare di Fulvio Irace (Electa)

Codice Mendini. Le regole per progettare è il volume a cura di Fulvio Irace, edito da Electa, dedicato a Alessandro Mendini, protagonista assoluto del design italiano. Il volume è l’opera più completa mai realizzata sul lavoro di Mendini e raccoglie il meglio di cinquant’anni di attività come architetto, artista e designer. Nell'esplorare le 9 regole care a Mendini, il libro accompagna il lettore alla scoperta dell’universo progettuale del designer italiano attraverso immagini e parole. 

Tema e Variazioni – The first series 1-100 di Piero Fornasetti 

Tema e Variazioni – The first series 1-100 è un volume in edizione limitata interamente realizzato a mano che contiene le prime 100 illustrazioni dalla serie “Tema e Variazioni” disegnate da Piero Fornasetti e arricchito dai testi di Barnaba Fornasetti, Gio Ponti, Alberto Manguel e Glenn O'Brien. Un volume prezioso come un'opera d'arte che ripercorre i temi cari all’immaginario di Fornasetti (il sole, le carte da gioco, gli arlecchini, le mani, gli autoritratti) e la sua inesauribile creatività.

Oscar Niemeyer di Michael Kimmelman (Assouline) 

Non un semplice libro ma un’opera preziosa come un gioiello è il volume, edito da Assouline, dedicato all’architetto brasiliano Oscar Niemeyer, tra i massimi esponenti dell'architettura del XX secolo. Curato dal giornalista statunitense Michael Kimmelman ed arricchito dalle fotografie di Matthieu Salvaing, il libro ripercorre la vita e l’opera di Niemeyer anche attraverso le parole di archi-star del calibro di Tadao Ando, Santiago Calatrava e Zaha Hadid.

Il metodo Cappellini. Il sogno declinato di Francesca Serrazanetti (Electa)

Il metodo Cappellini. Il sogno declinato, edito da Electa, non è una monografia che racconta semplicemente la storia di una delle più importanti aziende di mobili italiane. Il libro è una sorta di diario pieno di ricordi personali, incontri straordinari, progetti, idee ed oggetti di design. Un racconto fatto di parole ma anche di immagini di oggetti e di persone che sono entrate a far parte della storia del design. 

Richard Sapper di Jonathan Olivares (Phaidon)

È di recente pubblicazione la monografia dedicata al designer tedesco Richard Sapper edita da Phaidon e curata da Jonathan Olivares. Il libro ripercorre attraverso una lunga intervista allo stesso Sapper e le immagini di Ramak Fazel, tra i più bravi fotografi di design contemporaneo, la carriera di uno dei più importanti designer del mondo che ha lavorato a lungo in Italia ed inventato alcuni dei prodotti più noti degli anni Settanta e Ottanta, come la lampada Tizio o la radio TS 502 per Brionvega.

Marcel Breuer di Robert McCarter (Phaidon)

Marcel Breuer è un architetto e designer ungherese appartenente alla prima generazione di architetti modernisti. Phaidon dedica alla vita e all’opera di Breuer, che si formò al Bauhaus di Weimar, un’importante monografia a cura di Robert McCarter che ne ripercorre la carriera. In evidenza, nel volume, le case, i mobili, gli oggetti e gli edifici pubblici realizzati da Brueur sia in Europa che negli Stati Uniti.

The Package Design Book di Jean Jacques et Brigitte Evrard (Taschen)

Il packaging è una forma di arte ancora oggi sottovalutata. La confezione è il primo elemento che il consumatore vede di un prodotto e molto spesso può decretarne il successo oppure il fallimento. La casa editrice tedesca Taschen ha pubblicato un volume The Package Design Book dedicato al packaging design contemporaneo. Il libro raccoglie le immagini di oltre 400 progetti creativi di confezioni ed imballaggi provenienti da 39 paesi.

The Lego Architect di Tom Alphin (No Starch Press)

Un libro curioso, divertente, colorato è il volume The Lego Architect di Tom Alphin, edito da No Starch Press. Un libro appassionante pensato per persone di ogni età che rilegge la storia dell'architettura attraverso i famosi mattoncini made in Danimarca. Il libro presenta una serie di immagini delle opere architettoniche più conosciute del mondo e spiega passo passo come divertirsi a ricostruirle utilizzando i mattoncini Lego.

The Impossible Collection Of Design di Frédéric Chambre (Assouline) 

The Impossible Collection Of Design: The 100 Most Influential Objects Of The Twentieth Century è un prezioso volume a cura di Frédéric Chambre, edito da Assouline, che racconta la storia del design attraverso i cento oggetti più iconici del ventesimo secolo. Dall’Art Nouveau al Bauhaus, dall’Art Decò alla Pop Art fino all’arte digitale, il libro illustra, senza essere mai noioso, il dinamismo del “Secolo del Design”.

Architecture's Odd Couple: Frank Lloyd Wright and Philip Johnson di Hugh Howard (Bloomsbury Publishing)

Architecture's Odd Couple: Frank Lloyd Wright and Philip Johnson è un libro coraggioso e a tratti irriverente scritto da Hugh Howard per Bloomsbury Publishing. Howard ripercorre la storia dell’architettura del ventesimo secolo attraverso le figure di due dei suoi massimi esponenti: Frank Lloyd Wright e Philip Johnson. L’autore evidenzia nel testo legami storici, analogie e differenze tra i due architetti che hanno in maggior misura contribuito alla creazione dell’immaginario architettonico americano.  

News
L'arte delle sculture di sabbia, in Belgio
Places
A New York un progetto di edilizia sociale dedicato ai single
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto