Products

Un libro sul cemento, in cemento

Non si dovrebbe mai giudicare un libro dalla sua copertina. Eccezion fatta per il nuovo volume realizzato dal fotografo ungherese Gábor Kasza, che all’interno di Concrete Book ha raccolto una serie di immagini che hanno come protagonista il cemento, sia dentro che fuori.

Il libro affronta il tema delle relazioni attraverso la raffigurazione fotografica di strutture in cemento armato incompiute, tra geometrie essenziali, luci e ombre. La sua particolarità è il cofanetto che lo racchiude: in un certo senso rispecchia il contenuto in modo sostanziale e restituisce la stessa impressione di non finito degli edifici rappresentati. È realizzato in calcestruzzo ed è stato concepito dopo più di un anno di tentativi, senza poche difficoltà.

«Non è né troppo fragile né troppo pesante, pesa solo 1425 grammi. È impermeabile, resistente all'olio, ai raggi UV e alle radiazioni», spiega il fotografo, che per diffondere il progetto ha lanciato una campagna di crowdfunding attualmente in corso su Indiegogo.

Products
Una poltroncina dal dna sportivo
News
Icon Design ospite di Visible Festival
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Arte in vacanza: le mostre da vedere in viaggio

Lontano dalle grandi città, ecco gli appuntamenti con l'arte contemporanea da non perdere
Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

Compagni di viaggio: 7 libri da portare in vacanza

In spiaggia, in montagna o tra un'avventura e l'altra, abbiamo selezionato qualche novità da gustarsi durante le ferie estive
Le piscine abbandonate del Regno Unito

Le piscine abbandonate del Regno Unito

Il fotografo Gigi Cifali ne ha ritratte decine: il risultato è un progetto fotografico che racconta le trasformazioni sociali dell'ultimo secolo
Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Naoto Fukasawa: "Il mio obiettivo è creare qualcosa che faccia del bene"

Fukasawa è il designer giapponese che pratica la semplicità. Nelle sue forme equilibrate non esistono eccessi, solo quello che è necessario. In trentotto anni di carriera ha reinventato sedie, divani, mobili, lampade, congegni elettronici, telefoni. Il suo obiettivo? Migliorare con i suoi progetti la vita di tutti i giorni, attraverso un design “giusto”
Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Ad Amatrice la Casa del Futuro firmata Stefano Boeri

Un polo di innovazione sostenibile dedicato ai giovani: ecco il progetto di recupero e rifunzionalizzazione del Complesso Don Minozzi