Products

Luca Nichetto e Mjölk: Réunion Lamp

Réunion Lamp è la nuova lampada da tavolo firmata da Luca Nichetto per Mjölk. Il progetto celebra la fruttuosa collaborazione del designer veneto con il brand canadese di base a Toronto avviata nel 2014: tre anni dopo il primo incontro, il progetto sviluppato in stretta collaborazione è entrato in produzione.

Presentata in occasione della 15a Stockholm Design Week, Réunion Lamp si compone di un guscio in metallo verniciato a polvere made in Canada e un corpo in vetro soffiato a bocca realizzato a Murano.

Il design della lampada è minimale e sofisticato, con una forte identità: fonde le linee dei precedenti progetti Sucabaruca e Aureola, coniugandole con eleganza ai materiali e le finiture di Uki e Zen/Han.

News
Gli appuntamenti di febbraio con l'arte
News
Il Bosco Verticale sbarca in Cina
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

La nuova fabbrica 4.0 di Florim, a Fiorano Modenese

Uno stabilimento di 48 mila metri quadrati, nel cuore del distretto della ceramica italiana, tra tecnologia e automazione
Soluzioni all

Soluzioni all'autunno: 10 portaombrelli di design

Alcuni sono dei classici intramontabili del design italiano, altri sono modelli ironici e colorati, che portano allegria durante le giornate piovose. A ognuno il suo portaombrelli
Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Momento relax: ARGA di Jacuzzi


Una vasca che guarda al futuro, realizzata in collaborazione con lo studio Why Not, equipaggiata con infusore di sali e cromoterapia
A Treviso una mostra sul tema del riuso


A Treviso una mostra sul tema del riuso


Un percorso espositivo che indaga il rapporto che intercorre tra arte, oggetti d’uso comune e scarti. Dal 27 ottobre al 10 febbraio 2019


A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

A Berlino nello studio di Arno Brandlhuber

Nella disputa tra regola e libertà, pubblico e privato, proprietà e condivisione, l’architetto di Antivilla sceglie da che parte stare. Perchè è nella interazione che risiede la bellezza del progetto